American Horror Story Coven 3×10 recensione dell’episodio con Jessica Lange

Prima della pausa natalizia, American Horror Story Coven ci aveva lasciato con un cliffhanger ben costruito che ne aveva stravolto la trama. Prima immaginavamo uno scontro tra streghe bianche e nere, poi l’alleanza tra la congrega e Marie Laveau (Angela Basset) contro Fiona, ma solo nella puntata scorsa apprendiamo che il vero nemico è il Delphi Trust, l’associazione di cacciatori di streghe. Una sorpresa dopo l’altra, espedienti per non rendere prevedibile la trama, ma che peccano sul piano della sceneggiatura.

- Pubblicità -

American-Horror-Story-Cove-3x10

Oltre a Hank, dapprima irrilevante, personaggio chiave in seguito, Fiona (Jessica Lange) sembrava destinata ad avere un percorso simile a Sister Jude della scorsa stagione: la redenzione finale era sintomo di un personaggio che non è mai stato cattivo fino in fondo. La storia d’amore con Axeman (Danny Huston) e il cancro l’avevano addolcita facendole rimediare agli sbagli fatti, come recuperare il rapporto con la figlia. In questa puntata ripartiamo dall’inizio, si recupera la storyline di Fiona che vuole ottenere vita eterna. Ricorre a Papa Legba: Lance Reddick non poteva essere più spaventoso nel ruolo dello spirito mediatore tra il mondo umano e quello delle ombre. Il Papa Legba di American Horror Story ha più a che fare con il mondo demoniaco, lo rivelano gli splendidi effetti con cui vediamo la sua ombra scivolare lungo le pareti per poi materializzarsi con i suoi occhi rossi e la risata cavernicola. Un look da Jack Sparrow, cupo, cocainomane e avido di anime innocenti. Neanche lo spirito potrà esaudire il desiderio di Fiona, perché la Suprema non ha un’anima. Non era difficile da immaginare dopo che la strega promette di sacrificare anche la figlia, se necessario. Il suo rapporto con Cordelia (Sarah Paulson) è contraddittorio: l’involuzione di Fiona determina il disprezzo per la debolezza della figlia, fino a sfiorare punte di razzismo verso una strega che non ha più poteri.
Marie Laveau e Fiona, in fondo, sono uguali, entrambe mosse dall’avidità di potere, eppure è la strega vudù a mostrare il lato più umano. Dopo 300 anni arriva la sua espiazione: sceglie di non sacrificare il neonato al volere di Legba, come aveva fatto con suo figlio per ottenere l’immortalità. Intanto la nuova suprema Misty Day (Lily Rabe) conosce il suo idolo Stevie Niks, la Strega Bianca, ma le scene delle performance musicali sono fin troppo lente e inutili. Ad ambire al ruolo di Suprema ci sono Madison che, dopo la resurrezione, è guarita dal soffio al cuore e ha acquisito nuovi poteri, e Nan. Anche lei ha nuovi poteri e la sua morte ci appare insensata, interrompendo un percorso che poteva essere altrettanto interessante.

In compenso la puntata è sempre impeccabile dal punto di vista tecnico. Dalle riprese distorte, devianti e agili movimenti di macchina, riconosciamo lo stile di Alfonso Gomez-Rejon, uno dei più validi registi della serie.

American Horror Story 3: Coven

American Horror Story 3: Coven è la terza stagione della serie tv horror American Horror Story creata da Ryan Murphy e Brad Falchuk per il canale americano FX. In American Horror Story 3 protagonisti sono i personaggi Cordelia Foxx interpretata da Sarah Paulson, Zoe Benson interpretata da Taissa Farmiga, Myrtle Snow, interpretata da Frances Conroy, Kyle Spencer interpretato da Evan Peters, Misty Day interpretata da Lily Rabe, Madison Montgomery interpretata da Emma Roberts, Spalding interpretato da Denis O’Hare, Delphine LaLaurie interpretata da Kathy Bates e Fiona Goode interpretata da Jessica Lange.

Nei ruoli ricorrenti troviamo Marie Laveau, interpretata da Angela Bassett, Queenie, interpretata da Gabourey Sidibe, Nan, interpretata da Jamie Brewer, Hank Foxx, interpretato da Josh Hamilton, Luke Ramsey, interpretato da Alexander Dreymon, Papa Legba, interpretato da Lance Reddick, Harrison Renard, interpretato da Michael Cristofer,Quentin Fleming, interpretato da Leslie Jordan, Cecily Pembroke, interpretata da Robin Bartlett, L’Uomo con l’accetta, intepretato da Danny Huston, David, interpretato da Mike Colter, Fiona Goode da giovane, interpretata da Riley Voelkel, Anna-Lee Leighton, interpretata da Christine Ebersole, Myrtle Snow da giovane, interpretata da Michelle Page, Bastien “Il Minotauro”, interpretato da Ameer Baraka, Chantal, interpretata da Dana Gourrier e Joan Ramsey, interpretata da Patti LuPone.

RASSEGNA PANORAMICA

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -