Penny Dreadful 1×08 recensione dell’episodio con Eva Green

In Penny Dreadful 1×08, la puntata finale di Penny Dreadful  è finalmente arrivata, anche se è bene precisare che Showtime ha già confermato da qualche tempo una seconda stagione. Una puntata finale di una serie televisia non è mai fine a se stessa, ma diventa l’occasione per tirare le somme su tutto il prodotto nella sua interezza. E ancora una volta è necessario ripetersi: non è certo questo ultimo episodio di Penny Dreadful  a decretare un cambiamento di rotta, a far decollare la serie verso un giudizio diverso, da quello che spesso era stato espresso puntata dopo puntata.

 

Del resto, è inutile sprecare troppe parole sul plot di Penny Dreadful 1×08, l’ottavo episodio, che porta a compimento il nucelo principale dell’intera serie, quella ricerca di Mina, figlia di Sir Malcolm (Timothy Dalton) che, finalmente, trova una sua conclusione. Ovviamente ad aiutarlo ci sono gli storici protagonisti, come Vanessa Ives (Eva Green), Ethan Chandler (Josh Hartnett) e il Dott.Frankenstein (Harry Treadaway). Insieme al nocciolo della questione, trovano una conclusione anche le sitruazioni secondarie, in uno schema che non è difficile da individuare: prima si chiudono tutte le suddette situazioni lasciate in sospeso, poi si lascia spazio al gran finale.

Penny-Dreadful-1x08-2

Penny Dreadful 1×08

Criticare John Logan per la costruzione narrativa della serie sarebbe troppo ingeneroso; uno sceneggiatore esperto come lui ha creato un prodotto che aderisce comunque agli standard televisivi del momento, rischiando poco e tentando di dargli quella faccia macabra in grado di conquistare la fetta di torta che conta di più: il pubblico. Sfortunatamente però, lo stesso aspetto macabro, l’horror, il sapore vittoriano, una trama poco avvincente, non prendono mai il sopravvento, in favore di una esaltazione dei personaggi che risulta forzata e, senza voler utilizzare giri di parole, finta. Anche l’aspetto paranormale, in teoria onnipresente, non viene in realtà mai approfondito ed una vera lotta tra ciò che è naturale e ciò che non lo è, stenta ad esistere e a diventare appassionante.  In Penny Dreadful 1×08, forse una punta di merito ce l’hanno le sequenze finali, che, come prevedibile, lasciano comunque aperta una finestra su quello che sarà, leggasi “sta arrivando una seconda stagione”.

Se in qualche modo siete stati catturati da Penny Dreadful, aspetterete con impazienza anche la seconda stagione, con la voglia di sapere se altri personaggi “famosi”, appartenenti al mondo letterario inglese, faranno la loro comparsa. Qui invece si sta ancora cercando quella magica atmosfera vittoriana, pulsante horror da tutte le parti: nel complesso, salvo l’episodio composto dal flashback (il quinto), interamente dominato da un’aura diversa, resta una serie un gradino sotto la sufficienza.

RASSEGNA PANORAMICA

Matteo Colibazzi
Studia Cinema, Televisione e Nuovi Media al DAMS, Roma Tre. Ha frequentato un corso presso l'Accademia Radio-Televisiva di Roma ed è conduttore radiofonico. Tele/radiocronista di football americano, cinefilo maniacale, musicalmente dominato da rock e derivati. Tutto in rigoroso ordine sparso.
- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -