Pretty Little Liars 5×04 recensione dell’episodio con Ashley Benson

631

Pretty_Little_Liars_Logo

Alison (Sasha Pieterse) sta cercando di riconquistare il suo ruolo da leader, ma Aria (Lucy Hale), Hanna (Ashley Benson), Spencer (Troian Bellisario) e Emily (Shay Mitchell) non la assecondano. Nel frattempo, le quattro amiche sono sempre più nel mirino dei compagni di scuola, che si preparano a rivedere Alison tra i banchi di scuola. Non prima, però, di scoprire qualche dettaglio sul suo rapimento.

Pretty Little Liars 5x04(2)Si intitola Thrown from the Ride, il quarto episodio della quinta stagione Pretty Little Liars show ideato da Marlene King e basata sull’omonima serie di romanzi di Sara Shepard. La puntata, andata in onda martedì 1 luglio sul network americano ABC Family, si è rivelata la più deludente di quelli visti finora. Il ritorno di Alison a Rosewood ha portato più di qualche scompiglio, complicato anche dalla storia del suo rapimento. Chi la biasima, chi non si fa intimidire, ma una cosa è certa: Alison è di nuovo al centro dell’attenzione. A pagarne le conseguenze, però, sono soprattutto le quattro amiche, sempre più stufe di essere sottomesse ai suoi ordini. Gli equilibri interni si fanno confusi, e le continue paure delle “liars” rischiano di compromettere la tanto agognata tranquillità. Spencer vive con il terrore che qualcuno della sua famiglia abbia ucciso la Signora DiLaurentis e che sia responsabile di quello che è successo ad Alison, Aria ha continui rimorsi per la morte di Shana, Emily è combattuta tra Paige e Alison ed Hanna ha voglia di riprendere in mano la propria personalità.

ASHLEY BENSON, LUCY HALE, SHAY MITCHELLNonostante di “A” non ci sia traccia non è esclusivamente la sua assenza a penalizzare l’episodio ma piuttosto la piega che in generale sta prendendo questa quinta stagione. La storia del presunto rapimento è diventata il nodo focale, ma non si sente quella giusta dose di suspense e azione che era la caratteristica degli episodi precedenti.  Se non si assiste presto ad un grande colpo di scena, si rischia seriamente di finire nel ridicolo e nel ripetitivo. E a tirarla troppo per le lunghe si perde solamente la retta via. In fondo Pretty Little Liars è sempre stata una serie di genere giallo, ma se viene a mancare questo elemento, cosa rimane? Anche perché ora sempre tutto nelle mani di Alison, ma l’ape regina è veramente tornata o non se n’è mai andata?