The Flash 2×13 recensione dell’episodio con Grant Gustin

734

Stanchi di aspettare che Zoom si faccia avanti e sferri un nuovo e terribile attacco, il Team Flash passa all’azione. Dopo aver chiuso tutte le brecce di Central City che conducevano al pianeta Terra-2, lasciando aperta solo quella all’interno degli STAR Labs, Barry (Grant Gustin), Cisco (Carlos Valdes) e Wells (Tom Cavanagh) decidono di attraversare il passaggio per tentare di salvare Jesse e annientare una volta per tutte il terrificante spettro nero. Per la loro missione avranno a disposizione solo quarantotto ore prima che il passaggio si richiuda intrappolandoli per sempre, ma le difficoltà da affrontare sono davvero tante. Nulla infatti è ciò che
sembra sulla Terra-2. In questo nuovo mondo futuristico il doppelganger di Barry, un nerd occhialuto ed insopportabile, è sposato con la bella Iris (Candice Patton), intrepida detective della polizia di Central City, mentre suo padre Joe (Jesse L. Martin) è un bravissimo cantante blues che, incredibilmente, odia il genero. Come se questo già non bastasse, i doppioni di Caitlin (Danielle Panabaker) e Ronnie (Robbie Amell), sono due pericolosi metaumani che rispondono rispettivamente ai nomi di Killer Frost e Deathstorm, controllati, incredibilmente, da un malvagio Cisco versione ninja, anche conosciuto come Reverb. Tutti e tre, al servizio di Zoom, tenteranno di neutralizzare il veloscista scarlatto.
Ma i problemi purtroppo non sono circoscritti solo alla Terra-2. Dopo il passaggio di Barry, Cisco e Wells nello ‘speed cannon’, il portale è stato danneggiato da un sovraccarico di energia. Sarà compito quindi di Caitlin e Jay (Teddy Sears), riparare il danno alla svelta per permettere ai loro compagni di ritornare. Eppure i loro piani saranno interrotti dalla comparsa di un nuovo metahuman che sta terrorizzando Central City con fortissime scosse di terremoto: il suo nome è Geomancer.
Riuscirà la squadra, seppure divisa tra due pianeti, a completare la missione?

The Flash 2x13Dopo un paio di puntate un po’ sottotono, con la 2×13 dal titolo Welcome to Earth -2, The Flash finalmente ritorna agli antichi splendori. Con questo episodio si entra infatti nel pieno dell’azione e tutti i tasselli del nostro puzzle cominciano a trovare la giusta collocazione.
La separazione della squadra, divisa tra i due mondi, pur creando una sorta di squilibrio narrativo, ci permette di arrivare ad alcune importanti informazioni. A farla da padrone infatti questa settimana sono i doppelganger dei nostri protagonisti; se già The Flash 2x13l’idea di due Wells nell’universo era difficile da accettare, lo è ancora di meno vedere tre dei personaggi più buoni della serie
trasformarsi in mostri assetati di sangue. Sorprendentemente però non è il ritorno di Robbie Amell, nei panni di Deathstorm, a sconvolgere lo spettatore ma le due nuove versioni di Caitlin e Cisco; mentre il malvagio Reberb ci fornisce un assaggio di quelli che saranno i poteri di Vibe in futuro, la grande sorpresa della puntata è Danielle Panabaker che, vestendo i panni di Killer Frost, smette finalmente di fare da tappezzeria all’interno degli STAR Labs, creando un personaggio davvero convincente e parecchio inquietante.
The Flash 2x13Nonostante l’azione si concentri maggiormente, come già accennato, nella Central City del futuro, non mancano di certo le sorprese sul pianeta Terra-1; grazie infatti all’entrata in scena di un nuovo villain, Geomancer, il Team Flash è costretto, data l’assenza del velocista scarlatto, a trovare un momentaneo sostituto che salvi la città. Jay Garrick, messo con le spalle al muro, sarà costretto a confessare di essere lui stesso la causa della scomparsa dei suoi poteri; l’uso continuato del The Flash 2x13potente siero Velocity-6 ha dissolto in breve tempo la sua velocità rendendo così Zoom l’invincibile velocista del suo pianeta. Queste nuove informazioni, benchè sembrino inutili, potrebbero essere la chiave della disfatta dello spettro nero.
Un episodio quindi ricco di avvenimenti, pieno d’azione e comicità – vedere Barry e Cisco scattarsi un selfie all’interno degli STAR Labs del futuro vale già tutta la puntata! – che termina lasciandosi con un nuovo interrogativo: chi è l’uomo mascherato rinchiuso nelle segrete del nascondiglio di Zoom insieme a Jesse, la figlia di Wells?
Per scoprirlo non ci resta che aspettare la prossima puntata di The Flash, la 2×14 dal titolo Escape from Earth-2, che andrà in onda martedì 16 febbraio sempre sul canale della CW.

https://www.youtube.com/watch?v=fk_IQ9tRpJA