Harry Potter e i doni della morte

harrypotter_trio Total Fi Magazine ha pubblicato un nuovo reportage dal set di Harry Potter e i Doni della Morte: parte I e Harry Potter e i Doni della Morte: parte II: eccone alcuni punti.

Yates ha definito la Parte I un film on the road, dicendo che sarà dinamico, pieno di adrenalina e viscerale. E poi: “E’ la storia di tre rifugiati, tre ragazzi tagliati fuori da tutto ciò che conoscono e da tutte le persone che amano, inseguiti senza sosta da gente che vuole ammazzarli.”

 
 

Yates ha riflettuto sul momento migliore in cui spezzare i due film: “E’ meglio spezzare in un momento di suspense o in un momento di risoluzione?” si è domandato a voce alta.

La Parte II sarà “Una grande opera, un’epopea di grande respiro, con enormi battaglie.” Emma Watson ha commentato che le sembra un film diverso da tutti gli altri, perché non ha la stessa struttura: “Gli altri film avevano tutti la stessa struttura: entravamo in Sala Grande e c’era il discorso di inaugurazione. Stavolta non è più così.”

Lo sceneggiatore Steve Kloves ha rivelato qualche altro dettaglio sulla separazione tra i due film, spiegando che è stata presa la decisione più saggia possibile: la fine del settimo film “dovrebbe consentire di accomiatarsi nel modo migliore da certi personaggi”.