Riprendiamo le fila del nostro racconto presentandovi ora i dodici nani protagonisti de Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato. Fino ad ora gli amanti di Tolkien hanno avuto a che fare con un solo nano, il ben noto Gimli, componente della Compagnia dell’Anello e uno dei principali protagonisti della trilogia dell’Anello già portata sullo schermo da Peter Jackson. In questa occasione abbiamo invece la possibilità di incontrare ben dodici nani, e di conoscerli meglio uno per uno.

 

Balin, Dwalin, Fíli, Kíli, Dori, Nori, Ori, Óin, Glóin, Bifur, Bofur e Bombur Cominciamo subito da Balin. Questo nano non deve essere totalmente sconosciuto ai più dal momento che già ne Il Signore degli Anelli viene nominato, e anzi ci troviamo proprio sulla sua tomba nel momento in cui la Compagnia cerca di superare il Caradhras attraversando le miniere di Moria. Figlio di Fundin e fratello maggiore di Dwalin, Balin nacque nell’anno 2763 della Terza Era. Fu mandato in esilio dal drago Smaug nell’anno 2770, insieme con i Nani della Montagna Solitaria sopravvissuti. Dopo aver seguito per molti anni Thrai II alla riconquista di Erebor, intraprende con THorin la Ricerca, raccontata ne Lo Hobbit. Diventa amico intimo di Bilbo e molti anni dopo la distruzione di Smaug, fu a capo di una spedizione per ricolonizzare Khazad-dûm. Sebbene la colonia avesse un buon inizio, Balin fu ucciso, come sappiamo, dopo solo pochi anni, all’inizio di un assalto di Orchi che distrusse la colonia. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato Balin è interpretato da Ken Stott.

Fratello minore di Balin era Dwalin, primo nano in assoluto ad arrivare a Casa Baggins all’inizio de Lo Hobbit. Indossava un cappuccio verde scuro e una cinta dorata e aveva una barba blu e, come suo fratello Balin, suonava la viola. Dwalin presterà un cappuccio e un mantello a Bilbo, all’inizio del loro viaggio, mantello che Bilbo conserverà per tutta la vita e utilizzerà per il suo secondo viaggio verso Erebor. Ebbe sette figli e tre figlie un numero particolarmente elevato per un nano. Morì nell’anno 91 della Quarta Era a 340 anni. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato Dwalin è interpretato da Graham McTavish.

Fíli e Kili sono i due nani più giovani che si uniscono alla compagnia di Thorin per la Ricerca.  Erano i nipoti del re sotto la montagna, essendo figli di Dis, sorella di Thorin. Entrambi hanno una vista molto acuta e sono descritti come allegri e pieni di vita, entrambi sopportano meglio degli altri l’idea di essere chiusi nelle botti per fuggire dalla reggia da Thranduil nel Bosco Atro. Sia Kili che Fili moriranno nella battaglia dei Cinque Eserciti per difendere la vita del loro re e zio Thorin. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato Fili è interpretato da Dean O’Gorman, mentre Kili è l’attore Aidan Turner.

Dori, Nori e Ori erano tre nani fratelli, tutti e tre coinvolti nella Ricerca di Erebor insieme a Thorin Scudodiquercia. Dori in particolare aveva in compito di portare a spalla il piccolo Bilbo, durante l’attraversamento delle Montagne Nebbiose. Sappiamo poi che l’hobbit cadde dalle spalle del nano, andando incontro a spiacevoli incontri e ad “indovinelli nell’oscurità”, mentre Dori per farsi perdonare di averlo perso nelle montagne, rischierà la sua vita per salvare Bilbo durante la fuga dai Lupi.

L’arrivo delle Aquile metterà tutti in salvo. Dori è il più forte dei Nani secondo Thorin. Ori è ricordato soprattutto per aver partecipato con Balin alla ricolonizzazione di Khazad-dûm. Fu uno degli ultimi nani a morire durante l’attacco del Balrog e dei goblin a Moria, avendo scritto di suo pugno il Libro di Marzabul, ritrovato poi dalla Compagnia dell’Anello nell’omonimo libro/film. Di Nori invece non si hanno altre notizie se non la sua partecipazione alla Ricerca. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato i tre nani sono interpretati rispettivamente da Mark Hadlow, Jed Brophy e Adam Brown.

Lo Hobbit Nani

Anche Oin, così come di Ori, partecipò alla ricolonizzazione di Khazad-dûm con Balin. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato il personaggio è interpretato da John Callen.

Fratello di Oin è Gloin, insieme a Balin forse il nano più nominato ne Il Signore degli Anelli. Egli è infatti il padre di Gimli, componente della Compagnia dell’Anello. Ne Il Signore degli Anelli, quando incontra Bilbo a Gran Burrone, si capisce immediatamente che sono grandi amici. Gloin, come suo fratello Oin, aveva la particolare abilità di saper accendere il fuoco Peter Hambleton. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato il personaggio è interpretato da Peter Hambleton.

Bifur è cugino di Bofur e Bombur, è ricordato per il suo amore per il formaggio e la pizza e soprattutto per la sua abilità nel suonare il clarinetto. Aiutò Bilbo a scappare dal Troll prima di essere chiuso in un sacco e fu l’unico nano ad uscire asciutto dalle botti che salvarono tutti dalla prigionia nella reggia di Thranduil. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato il personaggio è interpretato da William Kircher.

Bofur è il nano meno menzionato ne Lo Hobbit, e di lui si ricorda molto poco fatta eccezione per i suoi gusti alimentari (le torte di mele, la marmellata di lamponi e il tè) e il colore del suo cappuccio (giallo). Lui e suo fratello Bombur furono quasi uccisi da Smaug ma si salvarono per un pelo . Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato il personaggio è interpretato da James Nesbitt.

Infine abbiamo il più “importante” dei nani, Bombur, proverbiale per la sua corpulenza. La sua stazza lo classifica sempre ultimo in qualsiasi cosa: ultimo ad entrare a casa di Beorn, ultimo ad arrivare al Fiume Incantato (del quale subisce gli effetti più a lungo), e anche raffigurato come balordo e pasitccione. E’ l’unico nano che non scala Erebor per paura che le funi non lo reggano e resta così di guardia all’accampamento dei nani. Bombur dorme durante quasi tutti i momenti chiave del racconto de Lo Hobbit: dorme per giorni quando cade nel Fiume Incantato, dorme quando lo tirano fuori dalla botte ad Esgaroth, dorme durante la guardia all’accampamento sotto Erebor. Ne Il Signore degli Anelli, Frodo chiede di lui e scopriamo che è diventato così grasso che c’è bisogno di sei nani per sollevarlo, e che non può muoversi dal suo letto al suo divano. Ne Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato il personaggio è interpretato da Stephen Hunter.