anna favella

È uno di quei volti che una volta visto non si può dimenticare, quello di Anna Favella, che molti infatti ricorderanno per la partecipazione a numerose serie tv, tra Canale 5 e RaiUno, e che adesso è pronta a tornare su Netflix (la sua prima volta risale al 2018, con Luis Miguel – La serie) al fianco di Ficarra e Picone in Incastrati, disponibile sulla piattaforma dal 1° gennaio 2022. 

 
 

Abbiamo raggiunto Favella telefonicamente e in questa occasione ci ha raccontato di Ester, il personaggio che interpreta nella serie.

Com’è lavorare con un duo così affiatato e con tempi comici così precisi?

“All’inizio ero preoccupata di come potermi inserire all’interno del loro mondo, del loro sguardo sul mondo, perché sono due artisti che stimo molto, che sanno coniugare bene la comicità con la leggerezza, nel senso nobile del termine. Si permettono di parlare di cose quotidiane condivise o anche situazioni più drammatiche, come le questioni di mafia, ma sempre in modo molto delicato, sono leggeri, ironici e autoironici. 

Riescono a coinvolgere tutte le persone con cui lavorano, e questo l’ho sentito anche da persone che hanno lavorato prima con loro. Ci tengono talmente tanto a lavorare in squadra che anche una comparsa con una sola battuta per loro è importantissima. E così riescono a coinvolgerti nel loro mondo, fatto di una comicità molto particolare. Abbiamo avuto la possibilità di fare molte prove, cosa che non è scontata soprattutto quando lavori a una serie che ha i tempi stretti, abbiamo studiato i personaggi e le dinamiche tra loro. Abbiamo avuto tutti la possibilità di improvvisare e loro di accogliere tutte le proposte, perché sono sempre in ascolto degli attori con cui lavorano. Indimenticabile per me è quando, in fase di prove, ho improvvisato una battuta nella litigata con Salvo e loro l’hanno fissata in sceneggiatura”.

Incastrati. (L to R) Salvatore Ficarra as Salvo, Anna Favella as Ester in episode 102 of Incastrati. Cr. Dario Palermo/Netflix © 2021

Anna Favella è Ester in Incastrati

Il personaggio che interpreti si chiama Ester, è sposata con Salvo, ed è una donna che non si sente più amata e ha forse bisogno di ricordarsi anche lei quanto ama suo marito. Come sopravvive la coppia quando in mezzo ci si mettono delle passioni così totalizzanti come quella che Salvo coltiva per le serie tv, in Incastrati?

“Sono molto legata a Ester, un po’per le nostre somiglianze, e un poperché mi ha dato la possibilità di vivere in maniera leggera un periodo storico non proprio felice. C’è una cosa che mi diverte tantissimo specificare, e cioè che il mio personaggio si chiara Ester Picone in Ficarra, è sorella di Valentino e la moglie di Salvo. Si trova in mezzo a questa coppia di amici (l’amicizia è un altro tema molto importante della storia, a cui tengo molto), e all’inizio della storia c’è questo momento di mancanza di dialogo tra lei e suo marito, tanto che lui non la “guarda più”, non la nota più, diventa invisibile ai suoi occhi, come se fosse trasparente e inevitabilmente alla fine la trascura. Da una parte lui ha questa ossessione per le serie tv, il che è molto intelligente da parte loro, visto che siamo già all’interno di una serie e questo non fa che rivelare quanto l’autoironia sia importante. Dall’altra lei appartiene a un altro mondo, lo yoga, l’alimentazione sana, la sostenibilità. Tutte tematiche che mi riguardano nella realtà, quindi c’è una vicinanza tra me ed Ester. Il personaggio era già scritto in maniera eccellente, ma è stato divertente constatare delle mie attinenze con la storia, ad esempio il personaggio di Valentino è intollerante al lattosio, come me! Ho percepito una vicinanza anche perché sono per metà siciliana, e ho sentito mie tutte le dinamiche familiari che vengono raccontate nella serie.”

È un fiume in piena, Anna Favella, e non sembra mai paga di condividere l’entusiasmo per la sua esperienza. “Girare con Ficarra e Picone mi ha insegnato a prendere le cose con leggerezza – ha aggiunto – soprattutto dal punto di vista del lavoro, perché io vengo da molte serie drammatiche o più seriose, e lavorare con loro mi ha riportato ai primi tempi, quando facevo teatro e commedia brillante. Ho riscoperto questo sapore, non solo della passione per la recitazione, ma anche il divertimento di lavorare a una commedia, è come se ti godessi l’esperienza due volte.”

Incastrati. (L to R) Anna Favella as Ester, Salvatore Ficarra as Salvo in episode 104 of Incastrati. Cr. Dario Palermo/Netflix © 2021

In che modo si è svolto il processo di casting?

“È stato molto canonico, con una prima fase di self-tape, dato che con la pandemia in corso si preferisce fare una scrematura a distanza. Dopo c’è stato l’incontro di persona a Palermo. E lì c’era già il loro entusiasmo nell’aria, per la scrittura della storia e la realizzazione della serie. Quello che ho ritrovato da subito è stata l’artigianalità del lavoro con cui ho cominciato, quella del teatro, così mi sono sentita a casa ma ho anche avuto il tempo materiale di metabolizzare il loro linguaggio, che appunto non è solo un linguaggio comico, ma è un linguaggio comico specifico, personale, che ormai riconosciamo tutti, dal momento che lo vediamo da tanti anni.”

Incastrati arriva su Netflix Italia il 1° gennaio e dal 27 gennaio anche in tutti gli altri paesi in cui è attivo il servizio. Cosa si prova ad arrivare a così tanti spettatori?

“Avevo già provato una sensazione simile con una serie tv che ho girato in America Latina e che poi è arrivata in Italia, è una sensazione bellissima. Mi ha fatto scoprire come queste piattaforme riescano a mettere in connessione persone anche molto distanti. Ora ho amici e spettatori che dall’altra parte del mondo mi dicono che non vedono l’ora che esca qualcosa con me su Netflix per potermi vedere. È un modo per rimanere in contatto. Nel caso di Incastrati poi parliamo di una cosa molto specifica, la Sicilia, e secondo me è così tanto local che diventa universale.”

Scritto, diretto e interpretato da Ficarra e Picone, Incastrati segna l’esordio del duo comico siciliano con la serialità e la loro prima collaborazione con la piattaforma. Nel cast, con loro e Anna Favella, anche Marianna di Martino, Tony Sperandeo, Maurizio Marchetti, Mary Cipolla, Domenico Centamore, Sergio Friscia, Leo Gullotta e Filippo Luna.