Cosa accadrebbe se le persone, invece di invecchiare, ringiovanissero? È proprio questa la storia di Benjamin Button, nato vecchio con gli acciacchi del tempo, ma con un animo giovane e curioso. Un film che dall’inizio annuncia la sua fine, inevitabile, anche per chi, come Benjamin, ha avuto una vita diversa, straordinaria. Tratto dal racconto di Francis Scott FitzgeraldIl curioso caso di Benjamin Button racconta vita ed avventure di Benjamin, che pur vedendo il mondo da una prospettiva diversa, resta un essere umano, con debolezze e pregi, doti e difetti.

 

Diretto di David Fincher, che aveva lasciato il pubblico incollato alle poltrone dei cinema con Zodiac, bello seppur a tratti pesante, Il curioso caso di Benjamin Button esce dai canoni del regista, diventando un prodotto anonimo nelle mani della storia stessa, vero punto di forza della pellicola. Una regia impersonale quindi, che lascia un po’ a bocca asciutta i cultori dell’ottimo regista di Seven e Fight Club. Lascia indifferente anche la fotografia candidata all’Oscar di Claudio Miranda, fedelissimo di Fincher, che pure in Panic Room aveva svolto un bel lavoro, ma che in Benjamin Button osa troppo e sfiora la finzione, soprattutto nelle scene in cui si vuole ricreare la luce dell’”ora magica”.

Il curioso caso di Benjamin Button

Buona prova del cast: Brad Pitt comincia ad abituare il suo pubblico a grandi interpretazioni, anche se qui non è all’altezza del suo ruolo in Jesse James che gli fruttò la Coppa Volpi a Venezia; Cate Blanchett, semplicemente bellissima, eterea ed evanescente resta una delle regine del cinema; notevole anche l’interpretazione di Tilda Swinton che porta con sé un fascino d’altri tempi.

La sceneggiatura, nelle mani di Eric Roth, premio Oscar per Forrest Gump, mostra con misura e poesia, senza mai scadere nel romanticismo scontato, un’esistenza particolare, vite che si intrecciano per trovarsi a metà strada, attraverso un diario, un racconto che è allo stesso tempo una scoperta e una riflessione sulla vita, sul suo valore, sulla sua fugacità. Il curioso caso di Benjamin Button  ha riscontrato un notevole successo di critica, ma un entusiasmo tiepido da parte del pubblico d’Oltreoceano. Candidato a 13 premi Oscar tra cui: Miglior Film, Miglior Regia, Miglior attore protagonista, Miglior attrice non protagonista, Miglior Sceneggiatura, Miglior Fotografia.