E la chiamano Estate recensione film

Presentato in Concorso al Festival Internazionale del Film di Roma, E la chiamano Estate è un film diretto da Paolo Franchi che vede protagonisti Isabella Ferrari e Jean-Marc Barr nel ruolo della coppia protagonista, mentre intorno a loro gravitano una serie di volti più o meno noti tra cui Luca Argentero e Filippo Nigro.

 

In E la chiamano Estate Dino e Anna sono una coppia di quarantenni. Si amano tantissimo ma tra loro non c’è mai stato un rapporto fisico, pur stando insieme da quasi un anno. E’ Dino a non voler avere rapporti con la bella compagna, perché dentro di sé avverte una scissione tra l’intenso e sincero amore che prova per Anna, e il sesso, che invece fa più volte e con diverse partner occasionali, anche prostitute. L’uomo decide così di andare alla ricerca degli uomini che Anna ha avuto nella sua vita, chiedendo loro notizie sul loro rapporto, arrivando persino a chiedere ad uno di loro di diventare l’amante della sua compagna; in nome dell’amore che lui prova per lei infatti non vuole che Anna rinunci al sesso solo perché lui non riesce ad avere rapporti con lei, arrivando persino a dire alla compagna di trovarsi un amante. In realtà la sua profonda sofferenza per la sua situazione ha radici profonde che affondano nel dolore per il suicidio del fratello e per l’abbandono da parte della madre. La loro situazione sembra così senza soluzione e Dino e Anna trascinano le loro vite affogando nella solitudine lei e cercando sempre più convulsamente la compagnia promiscua lui.

Parlare di E la chiamano Estate risulta davvero difficile in quanto si tratta di un prodotto particolarmente ermetico, che cerca di comunicare una sfaccettatura dell’amore poco trattata al cinema ma lo fa in modo confuso e a tratti presuntuoso, senza cercare di avvicinarsi allo spettatore per agevolare la comunicazione, ma rimanendo chiuso nel suo ‘bozzolo’ di autoreferenzialità. Il peggior difetto del film va ricercato purtroppo nella sceneggiatura, e nei dialoghi che talvolta banalizzano eccessivamente una sofferenza reale nel protagonista. Anche il ritmo, dilatato, e lo stile, che predilige inquadrature sfuocate, non contribuiscono alla facile o anche solamente alla piacevole fruizione del film. Buona però la performance degli attori che si dimostrano all’altezza di scene anche impegnative, che richiedono una certa padronanza del proprio corpo e delle proprie emozioni.

E la chiamano Estate è uno di quei film che si rivolgono ad un pubblico molto ristretto e la cui narrazione confusa e poco fruibile ne impedirà quasi sicuramente il successo al botteghino.