Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni

Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni è un film del 2002 diretto da George Lucas e con protagonisti nel cast Ewan McGregorNatalie Portman, Hayden Christensen, Christopher Lee, Samuel L. Jackson, Frank Oz, Ian McDiarmid, Pernilla August, Rose Byrne, Temuera Morrison, Daniel Logan, Jimmy Smits, Jack Thompson, Leeanna Walsman, Ahmed Best, Oliver Ford Davies, Ron Falk, Jay Laga’aia

 
 

Star Wars Episodio II – L’attacco dei cloni trama

In Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni Sono passati dieci anni dalle vicende narrate nel primo episodio. Anakin è ormai un giovane padawan dalle grandi capacità, ma impulsivo e umorale, guidato dal maestro Obi Wan, ormai Jedi a tutti gli effetti.

Le cose per la Repubblica non sono affatto migliorate. Il Consiglio dei Jedi sta perdendo gradualmente influenza, mentre il Cancelliere Palpatine continua il suo progetto di scalata verso un potere sempre più ampio. Un gruppo di dissidenti, con a capo il Conte Dooku, manifesta malcontento per ciò che sta accadendo. Amidala, svestita la carica di regina, è ora senatrice di Naboo e si trova ancora una volta minacciata di morte da sconosciuti sicari. Mentre Anakin si occupa della sua protezione, Obi Wan deve smascherare il nemico. Le indagini lo porteranno di fronte ad un esercito di cloni, che qualcuno ha commissionato a insaputa del Consiglio, sul piccolo pianeta di Kamino.

Star Wars Episodio II – L’attacco dei cloni, il film

Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloniSiamo al secondo capitolo e George Lucas migliora leggermente il tiro rispetto al criticato Episodio I, pur affidandosi ancora una volta soprattutto all’alleato tecnologico, di nuovo vero punto di forza del film. Le magie della computer grafica ci portano forme aliene nuove e graficamente godibili, come gli abitanti di Kamino, enormi battaglie in campo aperto con centinaia di soldati, scontri tra spade laser spettacolari.

Mentre aumentano sensibilmente le scene d’azione, cosa assolutamente gradita, ogni qual volta non sono gli effetti speciali a condurre la narrazione il film sembra perdere di qualità. Lucas mostra un’incapacità, o svogliatezza, nel trattare il lato umano dei suoi personaggi e quando intervengono i sentimenti, l’introspezione è solamente abbozzata e spesso banalizzata. La storia d’amore tra Amidala e Anakin risulta in qualche modo goffa, costruita, e l’interpretazione di Hayden Christensen non è delle migliori. Le sue espressioni sono forzate, poco naturali, perché la rabbia non si mostra solo digrignando i denti e corrugando la fronte, e l’essere circondato da attori della vecchia scuola, come Samuel L. Jackson e Ewan McGregor, di certo non lo aiuta a nascondere i suoi limiti. Senza dimenticare l’intrigante e contraddittorio Palpatine interpretato dall’ancora ottimo Ian McDiarmid.

Tra i personaggi, Lucas allontana il criticato Jar-Jar a un ruolo di semplice comparsa, concedendo più spazio a due dei characters più affascinanti, Mace Windu (il sempre ottimo Samuel L. Jackson) e il gran maestro Yoda, per l’occasione digitalizzato e finalmente, dopo 20 anni di attesa, alle prese con uno scontro armato di spada laser, scena che tutti i fan aspettavano con curiosità dal primo momento che l’alieno verde è comparso nel mondo di Star Wars. Si ripropone lo stilema del duello maestro-allievo, che dopo Obi Wan vs Darth Fener della trilogia classica, vede scontrarsi il Conte Dooku (Christopher Lee) col suo vecchio maestro Yoda. Dooku che a suo volta era maestro di Qui Gon e che dovrà vedersela col padawan del suo allievo prediletto, Obi Wan.

Star Wars Episodio II – L’attacco dei cloni recensione

Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni continua quel lavoro di fare da prequel alla trilogia classica, riempito di contenuti che devono necessariamente essere inseriti per portare la storia dove deve arrivare, alla caduta verso il lato oscuro di Anakin, fornendo al contempo numerosi riferimenti sugli eventi futuri.

Lucas è forse in qualche modo anche limitato da questo unico binario che è possibile percorrere, e anche la figura dei Jedi perde quel suo alone di mistero che i tre episodi più datati infondevano, qui rinchiusi in ambienti istituzionali e burocratici. Questi sono forse i veri motivi per cui la nuova trilogia non può affascinare come le precedenti pellicole. Star Wars: Episodio II – L’attacco dei cloni poi, oltre ad essere un anello di congiunzione verso i tre episodi classici, lo è anche all’interno di questa trilogia, chiudendosi quindi con un finale assolutamente aperto in attesa del terzo capitolo.

George Lucas compie sicuramente un passo in avanti rispetto a Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma, portando sullo schermo quell’azione che è sale degli avvenimenti, oltre ad alcune scene attese e memorabili, come appunto la prima esibizione di Yoda munito di una fidata spada laser. Ancora una volta il regista lascia lo spettatore con gli occhi abbagliati e la bocca amara, in una sensazione di umore agrodolce, tra la spettacolarità di aver passato un paio d’ore nel mondo fantastico di Guerre Stellari, e la consapevolezza di qualcosa che manca. Perché i soli effetti speciali non bastano per fare di un film un ‘grande film’, anche quando si parla di sci-fi e di Star Wars.