Con The Impossible, J.A. Bayona, regista che ha segnato il suo esordio al cinema con The Orphanage, raccontala storia di una di quelle famiglie che si ritrovò travolta da quella terribile onda e da quella straordinaria catastrofe naturale, la più grande che quella regione ricordi. Ma se la storia raccontataci dal regista spagnolo ha dell’incredibile, la storia vera, da cui il film prende spunto, è letteralmente ‘impossibile’.

Nel 2004, il 26 dicembre, il più grande tsunami che la storia ricordi devastò il sud-est asiatico, distruggendo chilometri di costa e portando via la vita a più di cinquemila persone solo i Tailandia.

In The Impossible Maria e Henry Bennet sono una coppia felice con tre figli alle prese con i comuni problemi che la famiglia comprende: il lavoro, i piccoli screzi trai tre bambini, il rapporto di coppia. I Bennet decidono di trascorrere le vacanze di Natale in Tailandia, senza sapere che quel viaggio diventerà un vero e proprio spartiacque che cambierà per sempre la loro vita.

Recensione film The Impossible di J.A. Bayona

Il regista Bayona ha dimostrato di saperci fare bene con il linguaggio cinematografico e soprattutto con l’horror, suo genere d’esordio. Con The Impossible realizza un film molto lineare, che tende al drammatico, genere connaturato al tipo di storia che si vuole raccontare, ma che tuttavia viene declinato con uno stile registico che si avvicina molto a quello dell’horror. I meccanismi, i tempi e soprattutto il montaggio sonoro del film mirano a costruire una tensione così palpabile che sembra davvero di assistere ad un film dell’orrore. Tale accostamento non è difficile da immaginare né tantomeno fuori luogo dal momento che la situazione che si sono trovati a vivere i sopravvissuti alla terribile onda distruttrice ha senza dubbio rasentato l’incubo più nero.

The Impossible film recensione

Protagonista del film è Lucas, figlio maggiore della famiglia Bennet e interpretato dal bravissimo Tom Holland, che si assume la responsabilità di salvare la madre, ma anche di fare qualcosa per l’umanità martoriata e ferita dalla furia della natura. Ad interpretare la coppia invece sono stati chiamati Ewan McGregor e Naomi Watts. Entrambi genitori, i due attori hanno reso benissimo la naturale tenerezza di una coppia sposata e soprattutto la grande sofferenza che si prova nel perdere i propri figli, così come l’innato istinto di protezione verso gli stessi. In particolare la Watts è stata nominata agli ultimi premi Oscar per la sua interpretazione da migliore protagonista, nomination che si accoppia con quella, meno prestigiosa ma ugualmente apprezzata, ai Golden Globe. In realtà l’attrice per quanto sempre molto brava, non sembra aver dato particolare prova di sé, semplicemente perché per la metà del film è costretta a letto ricoperta da uno spesso strato di trucco che ne imita le tumefazioni.

The Impossible potrebbe essere dantescamente definita una commedia, per un finale disteso e colmo di speranza, nel quale però si trascina, nell’ultima dolorosa inquadratura, il ricordo dell’umanità ferita da una natura che non saremo mai in grado di governare completamente.

Loading...