The Watchers – Loro ti guardano, recensione del film di Ishana Night Shyamalan

L'horror arriva in sala il 6 giugno distribuito da distribuito da Warner Bros. Pictures.

The Watchers – Loro ti guardano segna l’esordio alla regia di Ishana Night Shyamalan con una storia dalle tinte folk horror che arriva nelle sale italiane dal 6 giugno.

The Watchers – Loro ti guardano, la trama

Il racconto, adattamento del romanzo omonimo di A.M. Shine, è quella di Mina (Dakota Fanning), artista di 28 anni, che si ritrova bloccata e isolata in una vasta e incontaminata foresta nell’Irlanda occidentale. La giovane donna trova riparo in un bunker, chiamato “covo” dagli altri ospiti, un ragazzo agitato, una sua coetanea che aspetta il ritorno del marito, e una donna anziana, all’apparenza esperta del bosco, che le spiega qual è la loro situazione attuale. I quattro possono vagare nella foresta di giorno, ma di notte devono rimanere chiusi nel bunker perché gli Osservatori (i Watchers del titolo originale) arrivano per guardarli ogni sera dall’enorme vetrata che costituisce una delle pareti della costruzione. Rimanere all’esterno significa morte certa. Come faranno Mina e i suoi compagni di sventura a scappare da quel luogo stregato?

Figlia d’arte

Quando ti chiami Shyamalan e decidi di esordire dietro alla macchina da presa con un horror le aspettative sono alte. Lo sa bene Ishana che ha coinvolto papà M. Night nella produzione di The Watchers e che sicuramente le ha dato qualche consiglio per la sua prima regia cinematografica. A giudicare dal risultato finale, il padre non è stato troppo invasivo nello stile della figlia, dal momento che la regia di The Watchers – Loro ti guardano è visibilmente (e giustamente) acerba, non c’è il guizzo e la personalità che M. Night aveva dimostrato già da Il Sesto Senso, ma qui la giovane Shyamalan maneggia un materiale meno “sicuro”, una trama più stratificata che forse nel lavoro di adattamento avrebbe dovuto essere sviluppata con più attenzione.

Sorprende in positivo che la storia di A.M. Shine sia stata trasformata e adattata alla propria sensibilità dalla regista, che immaginiamo si sia a sua volta formata sull’ambiente e i racconti che ha ascoltato, crescendo. La mitologia di Shyamalan padre è costellata di storie fantastiche che compenetrano nella realtà, e anche questo racconto, sospeso tra l’horror, il folklore, il fantastico e le suggestioni ambientali, presenta questo tipo di dialogo armonico tra ordinario e straordinario. Una vera e propria cifra stilistica in casa Shyamalan.

The Watchers – un racconto metaforico

Il film, così come il romanzo da cui è tratto (e come ogni horror che si rispetti), si rivela immediatamente, con onestà, un racconto simbolico per l’elaborazione del trauma, che nel caso della protagonista è un lutto, ma per ogni personaggio assume forme differenti. La metafora, per quanto poco sfumata, appare ingenuamente autentica, soprattutto grazie alle interpretazioni solide e essenziali dei protagonisti.

Una lore personale su visioni derivative

Anche per quanto riguarda i riferimenti stilistici e visivi, Ishana attinge ovviamente all’immaginario paterno, riproponendo nel suo film, in maniera sempre intelligente, visioni di The Village e strutture di Lady in The Water, costruendo una lore tutta personale per un’opera prima che riflette da un lato l’inesperienza, dall’altro la curiosità e la passione dell’esordiente che si mette in gioco con una storia complessa.

Sostenuto da un’ambientazione affascinante ed evocativa, nonché topica del genere e del racconto fantastico The Watchers – Loro ti guardano è un esperimento interessante che sfrutta i luoghi comuni del genere, richiede una sospensione dell’incredulità a tratti importante, ma riesce anche a intrattenere con una svolta finale non imprevedibile ma suggestiva.

RASSEGNA PANORAMICA
Chiara Guida
Articolo precedenteHit Man: Glen Powell svela alcuni retroscena sui suoi molteplici personaggi
Articolo successivoThe Acolyte: La seguace, gli Easter Eggs dell’episode 1 e 2
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.
the-watchers-loro-ti-guardano-ishana-night-shyamalan The Watchers - Loro ti guardano è un esperimento interessante che si poggia sui luoghi comuni del genere, richiede una sospensione dell’incredulità a tratti importante, ma riesce anche a intrattenere con una svolta finale non imprevedibile ma suggestiva.