127 Ore film
- Pubblicità -

127 ore: Aron Ralston è un ventiseienne appassionato di trekking, da sempre esplora sentieri e percorsi montani. Un giorno decide di partire per il Blue John Canyon dello Utah senza avvertire nessuno, né amici né familiari….solo lui immerso nello splendido e assolato paesaggio. Quando però sta per tornare a casa, Aron, smuove inavvertitamente una roccia che cadendo gli blocca il braccio destro….senza cibo e con poca acqua Aron non sa cosa fare. Nonostante la difficile situazione riesce a resistere per 5 giorni….127 ore terribili, dove il suo fisico e la sua psiche vengono messi duramente alla prova. Durante quelle ore Aron ricorda il suo passato, i suoi familiari e le due belle escursioniste incontrate poco prima. Alla telecamera che porta con se confida i suoi pensieri e il suo testamento finché, alla fine, riesce a scoprire dentro di sé una forza di volontà e un coraggio che non credeva di avere….riesce a liberarsi dalla stretta mortale della roccia staccandosi il braccio con il coltellino che porta con sé, a scendere dal Canyon per altri 20 metri e a percorrere 20 chilometri fino a raggiungere la salvezza!

Basato su una storia realmente accaduta “127 ore” è un film denso di emozioni nonostante l’immobilità del protagonista e la sua solitudine. Danny Boyle ho dato il meglio di sé come regista non lasciandosi trascinare dal sentimentalismo, anzi inserendo anche dello humor nelle varie scene in cui Aron dialoga con la videocamera che ha con se. A risaltare è inoltre il protagonista, James Franco che riesce a riprodurre tutte le contraddizioni, le paure, le ansie e il carattere del personaggio .

Unknow – Senza identità: il dottor Martin Harris, con la bellissima moglie Elizabeth, si reca a Berlino per partecipare ad un convegno scientifico dove dovrà esporre le sue scoperte. Una volta giunto all’hotel Adlon Martin si accorge che una delle sue valigie è stata dimenticata all’aeroporto, così decide di tornare indietro lasciando la moglie in albergo. Lungo la strada verso l’aeroporto, il taxi su cui viaggia ha un incidente e finisce in un fiume. Il dottor Harris viene salvato dalla giovane donna che conduceva il taxi e portato in ospedale dove rimane in coma per quattro giorni. Al suo risveglio non ricorda granché della sua vita….solo che si chiama Martin Harris e che sua moglie Elizabeth lo aspetta all’hotel Adlon. Martin si reca all’hotel ma la moglie non lo riconosce ed è addirittura accompagnata da un uomo che afferma di essere il dottor Martin Harris! Le autorità ovviamente non credono al dottore che si ritrova così a vagare in una città che non conosce senza sapere cosa è accaduto. Determinato a scoprire la verità si troverà ad affrontare molti pericoli aiutato dalla tassista che lo ha salvato.

Jaume Collet-Serra dà vita ad un film dove non esistono tempi morti. Tra inseguimenti, esplosioni e colpi di scena lo spettatore viene coinvolto completamente nella storia del dottor Harris interpretato ottimamente dal bravissimo Liam Neeson.

Ladri di cadaveri – Burke&Hare: William Burke e William Hare sono due strani criminali che vivono ad Edimgurgo e che cercano in tutti i modi di alzare qualche soldo. Quando tornando a casa scoprono che il loro inquilino è morto decidono di liberarsi del corpo…guadagnandoci! Ovviamente a quel tempo, 1820, la ricerca medica era in fervente crescita e tutti i medici della città cercavano cadaveri su cui poter fare il loro esperimenti, soprattutto i due più famosi rivali: il dottor Knox e il dottor Monroe. Mentre al secondo era stato concesso il diritto di prendere i cadaveri “freschi” della città, il dottor Knox si doveva accontentare dei cadaveri in putrefazione. Perciò Burke e Hare decidono di vendere il corpo del loro inquilino al dottor Knox che li ingaggia per avere sempre cadaveri “freschi”. Durante le loro folli imprese i due conoscono una giovane attrice che ammalia il romantico Burke il quale decide di cambiare metodo di “lavoro”….meglio fare degli omicidi così da avere più cadaveri e quindi più soldi! In tutto questo però la coppia dovrà fare i conti con il boss del crimine locale, Danny McTavish, che pretende una parte dei loro guadagni, e con l’autorità che è sempre più vicina a scoprirli. Per risolvere i loro problemi Burke e Hare decidono così di aprire una agenzia di pompe funebri…in questo modo i cadaveri arrivano senza andare a cercarli!

John Landis da vita ad una commedia macabra insieme a due protagonisti di eccezione: Simon Pegg e Andy Serkis. Personaggi stravaganti e surreali, assassini si ma anche amabili e divertenti che fanno dell’omicidio un impresa capitalistica.

Shelter – identità paranormali: Cara Jussep è una psichiatra forense che crede poco nella malattia mentale della personalità multipla, anzi, afferma che è solo una suggestione. Suo padre, il dottor Harding, le sottopone il caso di David Bernburg, un uomo sulla sedia a rotelle che è stato arrestato per vagabondaggio e sottoposto a cure perché affetto da personalità multipla. Cara incontra David e nonostante il suo scetticismo pian piano inizia a mettere in dubbio le sue convinzioni. La dottoressa scopre che tutte le personalità di David appartengono a persone morte brutalmente assassinate. Coinvolta in una serie di strani eventi Cara cercherà di risolvere il mistero di David.

Mans Marlind e Bjorn Stein dirigono questo psycho-thriller dove la bella Julianne Moore interpreta la dottoressa Cara e Jonathan Rhys-Meyers veste i panni del malato David. La mente umana è la protagonista del film con tutte le sue fragilità e paure, da una parte troviamo il malato con le sue varie personalità e dall’altra una dottoressa inizialmente convinta delle sue conoscenze scientifiche ed infine piena di dubbi….una contrapposizione tra scienza e fede…la scienza spiega veramente tutto?

Manuale d’Amore 3: le diverse età dell’amore raccontate in tre episodi uniti dalla voce conduttrice del giovane tassista Cupido. “Giovinezza” è il primo episodio che racconta la vita di Roberto e Sara prossimi al matrimonio e molto innamorati. Lui è un giovane avvocato desideroso di fare carriera e quando il suo capo gli offre un incarico in Toscana lui accetta senza timore. Giunto a Castiglion della Pescaia, Roberto deve convincere un contadino a vendere la sua proprietà a degli speculatori immobiliari. Tra vari personaggi e lo splendido paesaggio, Roberto viene travolto dalla bellezza e dalla simpatia di Micol cedendo alla tentazione e assaporando l’inebriante sapore della giovinezza.

“Maturità”: qui si racconta la storia di Fabio, un affermato anchorman egocentrico e sposato da venticinque anni. Ad una festa incontra Eliana che afferma di essere una psichiatra in procinto di scrivere un libro dove vorrebbe parlare anche di Fabio. I due cominciano così a frequentarsi fin quando Fabio scopre che in realtà Eliana è una stolker affetta dalla sindrome bipolare…iniziano così i guai che porteranno alla rovina del suo matrimonio.

“Oltre” è l’ultimo capitolo dove il protagonista è un vecchio professore americano, Adrian, venuto in Italia dopo la separazione dalla moglie e un trapianto di cuore. Adrian conduce una vita appartata convinto che ormai il suo cuore non batterà più per nessuna. Tutto cambia però quando incontra Viola, la bella figlia di Augusto, il portinaio dello stabile in cui vive Adrian e suo grande amico. Finalmente riesce ad uscire dal suo guscio e, perdutamente innamorato, Adrian tenta di conquistare la donna tenendo a bada Augusto.

Giovanni Veronesi torna al cinema con il terzo capitolo della saga sull’amore, questa volta ci spiega le varie stagioni dell’amore, con tutti i loro difetti e problemi. Ovviamente ritroviamo Carlo Verdone nei panni di un nevrotico che deve destreggiarsi con una pazza ben interpretata da Donatella Finocchiaro. Tra gli altri protagonisti troviamo Monica Bellucci che affianca Robert De Niro che riesce benissimo a recitare anche in italiano.

Body: Chon è un giovane che abita in casa della sorella minore, la sua vita è stravolta da strani e terrificanti sogni. Una donna viene uccisa brutalmente da un misterioso uomo che taglia la sua carne con forbici e bisturi gettando poi tutto il resto nel water….questo è il suo incubo ricorrente. Chon decide così di andare da una psichiatra per cercare di risolvere i suoi problemi. Man mano che i giorni passano le immagini del sogno prendono il controllo della sua mente e alla fine Chon si convince che la donna del delitto gli stia mandando dei messaggi per scoprire il suo assassino. Un po’ alla volta Chon scopre che l’uomo misterioso, lo spietato omicida, è il marito della sua psichiatra !

Paween Purikitpanya riporta al cinema l’horror asiatico ispirandosi ad un fatto di cronaca tailandese. Horror e thriller psicologico mescolati insieme, un protagonista in continue difficoltà che non riesce a capire cosa sta succedendo e non riesce a farsi comprendere dagli altri, un misterioso e orribile omicidio e terrificanti sogni….tutto questo rende il film capace di tenere alta l’attenzione dello spettatore.

 

- Pubblicità -