Nuovo disastro al botteghino italiano, con Il Dittatore che rimane in testa, seguito da Cenerentola e Chernobyl Diaries: si chiude un giugno semplicemente nero per gli incassi.

Giugno 2012 è uno dei mesi più disastrosi per il botteghino italiano degli ultimi anni. Se già lo scorso fine settimana si era rivelato più negativo che mai, quello che si è appena concluso è una catastrofe. Di certo nelle prossime settimane l’estate continuerà a influire negativamente sul box office nostrano, ma perlomeno la fine degli Europei inciderà in modo positivo sugli incassi, in attesa di The Amazing Spider-Man, che uscirà fra due giorni e risolleverà il morale degli esercenti.

Nei desolanti tre giorni appena conclusi, a Il Dittatore bastano appena 202.000 euro per rimanere in testa per la terza settimana consecutiva. Il film di Sacha Baron Cohen arriva così a 1,7 milioni totali.

Seconda posizione per Cenerentola, che raccoglie 125.000 euro: il classico disney riproposto al cinema ha sfruttato due soli giorni di programmazione, ottenendo un risultato discreto. Cenerentola chiude la rassegna 2012 “I Classici al Cinema”, rassegna che sarà confermata l’estate prossima con altri film d’animazione.

Chernobyl Diaries – La mutazione perde una posizione e raccoglie altri 98.000 euro per 453.0000 euro complessivi, mentre Rock of Ages conferma il deludente weekend d’esordio con altri 82.000 euro, arrivando a 345.000 totali.

La commedia francese L’amore dura tre anni apre al quinto posto con 80.000 euro.
Men in Black 3 scende in sesta posizione e, con altri 74.000 euro, supera quota 6 milioni totali.

La Cosa debutta al settimo posto con soli 70.000 euro.
A chiudere la top10 troviamo pellicole in ulteriore calo: Lorax: il guardiano della foresta (61.000 euro), che giunge a 1,6 milioni, seguito da Chef (56.000 euro) e Detachment – Il distacco (32.000 euro), arrivati rispettivamente a 171.000 euro e 110.000 euro.