Dopo l’abbuffata istituzionale del Festival di Roma, sempre nella capitale, ma decentrato al Nuovo Cinema Aquila prende vita, dal 9 all’11 Dicembre, giusto in periodo di ponte, la prima edizione di Agender – Queer and  future arts festival.

Il festival nasce da una costola dell’ormai consolidato appuntamento fisso della primavera romana, il Tekfestival, dotato appunto di una sezione queer selezionata da Francesco Warbear Macarone Palmieri ed esordisce come una rassegna che vuole esplorare ogni forma di espressione di quella che viene definita, limitandola, una minoranza di genere.

Per questa ragione il festival propone oltre che le proiezioni di alcune opere selezionate ai festival internazionali più importanti e con nomi di spicco come Bruce LaBruce che sarà anche al centro di una presentazione di un libro fotografico a lui dedicato. Saranno proiettate anche oper di  Canecapovolto, e alcune altre chicche notevoli e storie importanti come quella di Essere Lucy, che narra le vicissitudini e della resistenza dei transessuali nel campo nazista di Dachau.

Si attraversano poi altre visioni ed esempio di trasversalità, sia della sessualità che della concezione stessa di amore, attraverso documentari come quello sulla storia d’amore tra  Breyer P. Orridge, fondatore dei Throbbing Gristle e Psychic Tv e Lady Jaye in The ballad of Genesis and Lady Jaye, trasformazioni e racconti di vita come quella della comunità di San Francisco all’epoca del contagio diffuso di Hiv, nel documentario We were here.

Per non limitarsi al solo lato cinematografico ma per offrire una visione a 360° gradi dell’arte queer, Agender è diviso in diverse sezioni: Agender Movie, di cui abbiamo appena parlato, Agender Theory che si propone come spazio di letteratura, Agender arts, sull’arte contemporanea e la fotografia, e i due appuntamenti festaioli pre e post festival, tutti nella cornice del Nuovo cinema Aquila nel quartiere Pigneto di Roma e zone limitrofe, come il bazar erotico per signore Tuba, che ospiterà l’aperitivo di apertura del festival proprio l’8 Dicembre.

 

Per il programma: http://www.cinemaaquila.com/