Il quarto produttore di The Hurt Locker, Nicolas Chartier, è stato punito per il suo comportamento. La scorsa settimana Chartier aveva inviato (contravvenendo alle regole dell’Academy) delle mail ad amici e conoscenti (non tutti membri dell’associazione che conferisce gli Oscar) invitandoli a votare per la sua pellicola e soprattutto facendo commenti discutibili sul budget di Avatar.

Per queste ragioni, l’Academy (che ha saggiamente atteso la deadline per la consegna delle schede di voto, indicando in questo modo di non considerare responsabili tutti i realizzatori del film, ma soltanto l’autore del gesto) ha deciso che Chartier non sarà presente alla cerimonia di premiazione che si svolgerà domenica 7 marzo. Questo significa che, nel caso The Hurt Locker dovesse vincere, Chartier ovviamente non salirà sul palco per ritirare la statuetta, che invece gli verrebbe consegnata in seguito. La soluzione è un compromesso anche accettabile per Chartier, considerando che qualcuno lo voleva anche eliminare dalla lista dei nominati (in cui aveva fatto peraltro molta fatica a entrare).