Del_Toro

 

Guillermo del Toro collaborerà con la DreamWorks Animation per i prossimi mesi: il regista ha messo mano a Megamind, e sta sviluppando Trollhunters, che realizzerà in animazione!

Guillermo del Toro sta lavorando ad alcuni progetti con la DreamWorks Animation Pictures, e ora il regista e produttore messicano sembra aver trovato una casa per i suoi progetti di animazione. Questo è quanto rivela l’Hollywood Reporter:

 

Dopo aver passato l’estate a visitare il loro campus a Glendale, in California, del Toro ha deciso che la DreamWorks Animation sarà la sua casa per quanto riguarda le produzioni in animazione: fungerà da consulente e produttore esecutivo di diversi progetti in fase di sviluppo, tra cui Kung Fu Panda 2, Puss in Boots e un altro progetto che ancora deve essere rivelato. Le sue impronte si vedranno persino in Megamind.

Secondo il regista, nei prossimi 10 anni il panorama dell’intrattenimento slitterà in un mondo trans-mediale, che vedrà una convergenza di film cinematografici, tv, libri, video e online – e gli artisti dovranno essere educati sull’uso di ciascun media.

Inoltre, il regista dirigerà un film di animazione sviluppandolo proprio alla DreamWorks, si tratta di quel Trollhunter che già era stato citato ai tempi dell’annuncio sulla Disney Double Dare You.

Trollhunters – titolo provvisorio – è basato su un romanzo per giovani adulti che del Toro ha proposto alla Hyperion due settimane fa. L’idea gli venne quando vendette The Strain, la trilogia sui vampiri che sta scrivendo assieme a Chuck Hogan. “Volevo sviluppare una storia che poteva essere scritta per bambini, ma che trattava tematiche spaventose e di genere. In pratica è un miscuglio tra fiaba, ambientazione moderna, e la difficoltà di essere bambini. I bambini vengono idealizzati nei film di animazione. Ma il dolore della crescita, assieme alla consapevolezza che il mondo intorno a noi è ricco di antiche creature, tematicamente combacia con la visione che ho nei miei progetti.”

Lo script verrà sviluppato e riscritto varie volte, anche durante la produzione, come è tipico del mondo dell’animazione. Del Toro sta già scrivendo il film e lo terminerà prima delle riprese delle Montagne della Follia.

Per quanto riguarda Megamind, del Toro ha accettato di metterci mano prima ancora di firmare il contratto di produzione:

Ha collaborato con la DWA nel montaggio e nella definizione della struttura del film, con la speranza di dargli un ritmo più spedito. “La cosa divertente,” spiega, “è che essere esperti nel montaggio di un film con attori dal vivo non ti aiuta nell’animazione”.

Il regista rivela poi di aver fatto questo passo verso l’animazione anche a causa della frustrazione accumulata negli ultimi mesi, in particolare con i ritardi dello Hobbit:

A volte, nel mondo del live action ti ci vogliono settimane prima di ottenere una risposta. Con la DWA, ottengo risposte nel giro di una giornata. L’animazione, poi, ti permette di essere più preciso: in ogni passo, raffini e raffini e raffini fino alla forma definitiva. E’ uno strumento più malleabile di un film con attori dal vivo.

Ovviamente del Toro non abbandonerà il live action: il regista sta per iniziare la sua quarta settimana di progettazione e design delle Montagne della Follia alla Lightstorm Entertainment di James Cameron, e tra tre settimane presenterà alla Universal il budget, assieme ai disegni, le maquette e i progetti per il film: “la speranza è quella di ottenere il via libera”. Il rapporto con la Disney, poi, rimane saldo: per lei infatti produrrà Haunted Mansion, il nuovo film della Casa dei Fantasmi, e poi ha una serie di produzioni per la Universal (tra cui Midnight Delivery). “La gente mi chiede come faccio a fare tutto quanto. Ma io non lavoro a questi film contemporaneamente. Midnight Delivery è stato scritto 11 anni fa. Il fatto che vengano girati tutti ora è fantastico, ma non significa che sto scrivendosette film contemporaneamente”.