- Pubblicità -

La lotta alla pirateria è una guerra persa in partenza. Hollywood lo sa e prepara la sua contromossa, proponendo film su internet e cellulari. Nella speranza di riuscire a fornire un servizio che smorzi la voglia di scaricare lungometraggi illegalmente.

Fox, Paramount, Sony, Universal, Warner e altri produttori che costituiscono il “Digital Entertainment Content Ecosystem (DECE)” hanno raggiunto un accordo per adattarsi ai tempi. Dopo anni di sterile lotta contro la pirateria, il Mondo del Cinema si adegua ad un uso molto più personalizzato dei propri prodotti. Sul sito Ultraviolet, l’utente ha un profilo del servizio associato con il numero della propria carta di credito, e così paga per i film che desidera acquistare. Non ci saranno supporti hardware, ma la possibilità di accedere a contenuti audiovisivi in streaming tutte le volte che si vuole.

Lo streaming è una tecnologia per la visione di film (inclusa la musica) in alta definizione via Internet, senza la necessità di memorizzare qualsiasi contenuto sul dispositivo, ad eccezione di una piccola parte. Richiede una buona connessione a Internet, ma apre anche un mondo di possibilità per la creazione di cataloghi multi-piattaforma. Un utente può acquistare film anche per suoi amici, per un numero massimo di sei per titolo. Si prevede che il servizio sia attivo da metà 2011. I giganti della tecnologia come Microsoft, IBM, Nokia, Samsung e Motorola hanno già dato il loro sostegno a Ultraviolet.

Come i Dvd scalzarono i Vhs, oggi rischiano di essere scalzati da questo sistema digitale. Certo, internet già da tempo ha sferrato diversi colpi all’utilizzo dei Dvd, poiché milioni sono gli utenti che da anni scaricano e guardano film tramite il loro pc, o attraverso siti streaming quali Megavideo e Rapidshare. Ma Ultraviolet potrebbe eliminare definitivamente questi ultimi e abituare definitivamente le persone a guardare film tramite il loro pc, il proprio I-pod o perfino sul proprio cellulare. Magari al cinema si andrà solo per guardare film in 3-D.

Già tremano dunque le aziende che producono i Dvd, nonché il nuovo sistema “Blu-ray”, utilizzato dalla PlayStation 3 e traino per il rinnovamento tecnologico di molte case produttrici del settore. Ma in fondo si sa, la tecnologia va sempre avanti. E neanche il tempo di abituarsi ad un nuovo strumento tecnologico, che se ne vede spuntare un altro. Come sempre, il successo o il fallimento di questa scommessa dipenderà in gran parte dalla compatibilità con i dispositivi, la facilità d’uso e, soprattutto…il prezzo. E magari i pirati informatici hanno già trovato il modo per raggirare pure questo nuovo tentativo di farli fuori.

- Pubblicità -