Guareschi, autore di Don Camillo e Peppone, non provava simpatia per Fernandel e Gino Cervi, che interpretarono rispettivamente il sacerdote e il politico.

Lo ha rivelato il critico Tatti Sanguineti che cura la rassegna C’era una volta Don Camillo, in onda su Rete4. Guareschi proprio non riusciva a mandar giù i due al punto che l’editore ReNoir Comics, che si è occupato della pubblicazione dei fumetti su Don Camillo, non si è ispirato ai volti dei due attori per i disegni, dopo essersi consultato con gli stessi figli di Guareschi.

Fonte: Ansa