itsawonderfullife-email

 

Ormai è ufficiale, è scattata la corsa al reboot o al sequel. Nessun film sembra ormai poter resistere alle dure leggi del mercato. I classici, sinora, sembravano intoccabili, posti lì sotto teca circondati da aure mistiche, ma, da poche ore, è giunto un annuncio come un fulmine a ciel sereno che potrebbe apparire quanto meno curioso.

La Vita è Meravigliosa sosteneva Frank Capra nel classico del 1946 pluricandidato agli Oscar ed interpretato dalla coppia James Stewart e Donna Reed. Secondo Variety, in un periodo storico in cui la vita sembra essere tutt’altro che meravigliosa ed in cui le icone del bianco e nero hanno subito un processo di commercializzazione, neppure il classico dei classici ha potuto sottrarsi alle volontà dei produttori, in questo caso Allen J. Schwalb di Star Partners Bob Farnsworth di Hummingbird, intenzionati a produrne un sequel entro l’estate del 2015.

La sceneggiatura, scritta dallo stesso Farnsworth e da Martha Bolton, porterebbe il titolo di It’s A Wonderfull Life: The Rest Of The Story e racconterebbe del pronipote di George Bailey (il fu James Stewart) che riceverà una visita da Zuzu (Karolyn Grimes), figlia di Bailey, sotto forma d’angelo intenta a mostrargli come la vita sarebbe stata migliore in sua assenza.

Farnsworth ha così commentato la notizia:

“La storia del nuovo film manterrà lo spirito dell’originale – ogni vita è importante se vissuta con gli amici”

Circa la sceneggiatura Karolyn Grimes si è pronunciata così:

“Probabilmente negli anni avrò letto circa 20 sceneggiature riguardanti un sequel di ‘La Vita è Meravigliosa’, ma nessuna di esse era quella giusta. Lo script di Bob Farnsworth e Martha Bolton, invece, era meraviglioso e desideravo di essere coinvolta immediatamente nella loro versione del film.”

Il progetto, per la cui produzione è stato stanziato un budget tra i 25 ed i 35 milioni di dollari, attualmente non è orfano di regista, ma ciò di cui resta la certezza è che sarà un fardello non indifferente per il malcapitato di turno.

Fonte: Variety