Basato sull’omonimo romanzo di Patrick Ness (da noi “Sette minuti dopo la Mezzanotte”), A Monster Calls è già arriva nei cinema USA con un discreto successo di pubblico e critica, mentre latita ancora una data d’uscita per il nostro Paese.

 

Parlando della trasposizione cinematografica del romanzo, l’autore Patrick Ness, che ha anche firmato la sceneggiatura, ha spiegato in che modo la sua creazione ha preso vita sulla carta. Il libro è in realtà basato sull’idea della scrittrice Siobhan Dowd, che è morta di cancro al seno prima di riuscire a sviluppare in romanzo la sua idea.

Secondo Ness: “A Monster Calls doveva essere un racconto in 5 libri, e lei aveva l’idea per una struttura, qualche personaggio, e sfortunatamente, è passata a miglior vita. Così il libro è stato lasciato sospeso, nemmeno cominciato, e così ho studiato il suo materiale, e ho cominciato dalla sua idea. Ho pensato subito ‘posso farlo, questa cosa ha un vero cuore, c’è davvero passione e dolore’, ho deciso che dovevo provare.”

Non sappiamo se il film avrà mai una distribuzione in Italia, ma considerando i lavori precedenti di J.A. Bayona (The Orphanage e The Impossible) sembra strano che il regista spagnolo non abbia ancora trovato spazio nelle nostre sale.

A Monster Calls: il nuovo intenso trailer ufficiale

Nel cast Liam NeesonLewis MacDougall, Felicity Jones, Toby Kebbell, e Sigourney Weaver.

In A Monster Calls si racconterà la vita di un bambino che, dovendo fare i conti con la malattia della madre ed i bulli che lo perseguitano a scuola, scapperà in un mondo fantastico fatto di mostri e fiabe che riguardano il coraggio, la fede e la perdita.

Di seguito la trama del romanzo: Il mostro si presenta sette minuti dopo la mezzanotte. Proprio come fanno i mostri. Ma non è il mostro che Conor si aspettava. Il ragazzo si aspettava l’orribile incubo, quello che viene a trovarlo ogni notte da quando sua madre ha iniziato le cure mediche. Conor si aspettava l’entità fatta di tenebre, di vortici, di urla… No. Questo mostro è un po’ diverso. È un albero. Antico e selvaggio. Antico come una storia perduta. Selvaggio come una storia indomabile. E vuole da Conor la cosa più pericolosa di tutte.