In una recente intervista con Collider in occasione della promozione di The Light Between Oceans, Michael Fassbender ha parlato di Alien Covenant, l’annunciato sequel di Prometheus che è diretto da Ridley Scott.

 

L’attore, che tornerà a vestire i panni dell’androide David, ha spiegato che il nuovo film sarà molto più spaventoso del predecessore, rivelando quanto segue: “Questo Alien sarà… sapete, non vedo l’ora di vederlo e tutti quelli che hanno lavorato al film concordano nel dire che questo è il film che i fan vogliono vedere. Sarà molto più spaventoso di Prometheus, anche se gli obiettivi saranno più o meno gli stessi. Avrà infatti quell’atmosfera da thriller, si percepirà tantissimo la sensazione di un pericolo imminente, proprio nello spirito della saga originale. È un film che ti cattura, mette i brividi. Sarà fantastico vederlo al cinema”.

[nggallery id=2635]

Alien Covenant uscirà il 6 ottobre 2017. Alla sceneggiatura hanno lavorato, tra gli altri, Michael Green, John Logan e Jack Paglen.

Bill Cudrup (Spotlight), Jussie Smolett (Empire), Amy Seimetz (You’re Next), Carmen Ejogo (Selma), Benjamin Rigby e Callie Hernandez (Machete Kills) sono le ultime new entry nel cast di Alien Covenant che sarà diretto da Ridley Scott e sarà ambientato in un momento cronologicamente imprecisato tra le vicende di Prometheus e quelle di Alien.

Alien CovenantI dettagli dei personaggi per adesso sono ancora un mistero, ma si suppone che possano ricoprire i ruoli del resto della troupe del Covenant, che sarà comandata dal personaggio interpretato da Katherine Waterston. Anche Demian Bichir e Danny McBride fanno parte del cast che vedrà tornare Michael Fassbender nei panni dell’androide David.

Alien Covenant

Ricordiamo che il film originale era incentrato sull’equipaggio della nave spaziale Prometheus, che, seguendo una mappa stellare rinvenuta tra i manufatti di varie culture terrestri, scopre un pianeta che potrebbe essere la chiave dell’origine della vita sulla Terra, ma nella ricerca s’imbatte in una minaccia che potrebbe causare l’estinzione della razza umana.

Fonte: Collider