david harbour hellboy

David Harbour sta promuovendo la seconda stagione di Stranger Things, che arriverà dal 31 ottobre su Netflix, ma parlando con MTV, ha commentato anche la sua partecipazione a Hellboy e soprattutto le motivazioni del rating del film.

“Sarà un rating R non per nudità, ma per un po’ di gore e horror, e anche per un aspetto maturo, i temi maturi che affronta. Stiamo avendo a che fare con temi molto complicati. Ma sono davvero aspetti del personaggio. Naturalmente, ci sono moltissimi momenti action, ma li stiamo declinando in una maniera shakespeariana. Nel senso, c’è un po’ di Amleto. C’è davvero il senso del cammino di un uomo che attraversa oscuri enigmi e andiamo tutti a fondo con lui.”

Hellboy: Rise of the Blood Queen, il primo artwork dal mercato di Cannes

Hellboy: Rise of the Blood Queen, ed è stato scritto da Andrew CosbyChristopher Golden e Mike Mignola stesso. Inoltre sappiamo che sarà diretto da Neil Marshall (The Descent, Game of Thrones).

CORRELATI:

Hellboy 3, Guillermo del Toroil progetto è defunto