adam driver kylo ren star wars: Episodio IX

Mentre Star Wars: L’Ascesa di Skywalker è stato distribuito nelle sale lo scorso dicembre, per molti versi la sua storia è tutt’altro che finita. Nei mesi successivi alla sua uscita, i fan hanno appreso dal cast e dai creatori del film le molteplici sceneggiature, riscritture e concetti che non sono finiti sullo schermo.

 
 

Una cosa su cui molti fan e critici hanno concordato è la performance di Adam Driver nei panni di Kylo Ren. Il suo personaggio è stato l’antagonista principale della trilogia sequel, è stato senza dubbio il personaggio più avvincente di questo nuovo corso ed è stato magistralmente interpretato da Driver. Tuttavia, come molti personaggi de L’Ascesa di Skywalker, sembra che per Kylo Ren sia stato pianificato più di quello che è apparso nel montaggio finale.

Lev Grossman, noto per la sua trilogia di Magicians e che ha scritto il primissimo articolo in merito ad Episodio IX per Vanity Fair, ha recentemente condiviso alcuni spunti delle sue interviste con il cast del film sul set. IndieWire ha riportato i pensieri di Grossman: “Penso che probabilmente la cosa che mi mancava è che volevo vedere più dettagli sull’infanzia di Kylo Ren… Pensavo che sarebbero tornati indietro nel tempo per mostrarci di più sul perché si è rivolto al lato oscuro. [Adam Driver] ha avuto molti pensieri interessanti sull’infanzia di Ben Solo”.

Adam Driver avrebbe voluto dei flashback del piccolo Ben Solo

Ne Gli Ultimi Jedi di Rian Johnson, il pubblico ha visto che Ben Solo si è rivolto al lato oscuro quando suo zio e maestro, Luke Skywalker, ha tentato di ucciderlo. Oltre a ciò, non sappiamo molto della caduta di Ben oltre a poche righe di dialogo su come è stato tentato da Snoke. Guardando indietro, il suo aver ceduto al lato oscuro è sembrata un po’ troppo rapido, allo stesso modo della sua redenzione nel film di J.J. Abrams. Grossman ha continuato a parlare di come Adam Driver aveva immaginato l’educazione di Kylo:

“Si tratta in realtà di qualcosa che Adam Driver ha detto… Ha detto Han Solo e Leia erano troppo egocentrici e avevano un’idea di se stessi come eroi che era troppo ingombrante per lasciare spazio all’essere genitori attenti nel modo in cui un giovane e tenero Kylo Ren aveva davvero bisogno. Non ci sono molti di questi aspetti nel film, quindi penso solo che dobbiamo supporre che la sua infanzia sia stata trascurata”.

Sembra certamente che Adam Driver sapesse di più sul perché il suo personaggio sia caduto e credeva che il pubblico sarebbe riuscito a vederlo. Delle scene di flashback sulla sua relazione con Han e Leia, o persino qualche pezzo di dialogo sui suoi ricordi d’infanzia, sarebbero serviti non solo al suo personaggio, ma alla storia generale e a come il pubblico sarebbe potuto entrare meglio in connessione con la sua caduta e poi redenzione.