joaquin phoenix

Un nuovo fan trailer riunisce insieme le ultime tre incarnazioni cinematografiche dell’iconico personaggo di Joker: quella del compianto Heath Ledger ne Il cavaliere oscuro – Il ritornoquella di Jared Leto in Suicide Squad e la più recente, quella di Joaquin Phoenix nel film di Todd Phillips, premiata – al pari di quella di Ledger – con un premio Oscar.

 
 

Si tratta di un’idea affascinante, ma che in realtà proviene dalle tavole dei fumetti: in “Justice League #42“, uscito nel 2015, Batman viene in contatto con la potente ed onnisciente sedia di Mobius creata da Metron. Quando chiede chi sia veramente Joker, il Crociato di Gotham riceve una risposta che non si aspetta: in origine, c’erano tre diversi Joker. La storyline, partorita dalla mente di Geoff John e Jason Fabok, verrà approfondita in “Batman: Three Jokers“, miniserie in tre parti che esplorerà in che modo queste tre versioni della nemesi dell’Uomo Pipistrello coesistono all’interno dell’Universo DC.

Cinematograficamente parlando, l’incarnazione di Leto è stata forse la più controversa. Nel caso di Ledger, invece, si è trattato di una performance tanto inquietante ed ossessiva quanto memorabile, mentre grazie alla performance di Phoenix abbiamo avuto la possibilità di vedere l’iconico Clown Principe del Crimine ancora sotto una nuova veste, a conferma di quanto il personaggio di presti a continue rivisitazioni capaci ogni volta di intraprendere percorsi narrativi differenti.

Nel fan trailer “Batman: The Three Jokers” realizzato da Eli Q, che immagina proprio una versione cinematografica della miniserie a fumetti di prossima uscita, Arthur Fleck (Joaquin Phoenix) torna a Gotham City dopo essere stato rilasciato dall’Arkham Asylum. Sembra essere un uomo nuovo, tuttavia verrà presto coinvolto in una guerra tra bande capitanate da due menti criminali (Heath Ledger e Jared Leto) che, in sua assenza, hanno raccolto l’eredità di “Joker”.

Batman: The Three Jokers, il fan trailer riunisce Ledger, Leto e Phoenix

Potete vedere il fan trailer di seguito:

Fonte: ScreenRant