ben-affleck-film

Ben Affleck era nella “lista rossa” di Harvey Weinstein: questo è quanto emerso di recente da alcuni documenti giudiziari non ancora sigillati. Tale lista includeva una serie di personaggi che secondo l’ex produttore cinematografico rappresentavano una minaccia per la sua persona.

Prima della pubblicazione dei vari report che hanno poi dato vita al movimento #MeToo e portato alla caduta dell’ex magnate di Hollywood, per lungo tempo Harvey Weinstein ha tenuto un elenco di nomi relativi a persone che, secondo lui, avrebbero potuto rivelare ai giornalisti della sua condotta sessuale nei confronti delle donne. Il nome di Ben Affleck è apparso nella lista, una “lista rossa”, e il documento è stato visionato da Variety martedì pomeriggio.

La lista faceva parte di circa 1.000 pagine di documenti che sono stati rivelati dal tribunale penale di New York City, in vista della condanna di Wenstein a 23 anni di prigione avvenuta nella giornata di mercoledì.

Il documento è stato portato alla luce durante il processo ai danni di Weinstein durato sette settimane. Il procuratore capo ha richiesto che l’elenco (che includeva sia uomini che donne, tra cui Annabella Sciorra, una delle attrici ad aver denunciato la condotta di Weinstein) venisse fornito alla giuria in modo che tutti i nomi potessero essere visionati, ma il giudice ha respinto la motivazione.

Oltre ad Affleck e alla Sciorra, tra i presenti nella “lista rossa” di Weinstein anche Rose McGowan, Zelda Perkins, Lysette Anthony, Rowena Chiu, ma anche l’ex l’ex dirigente della Weinstein Company, Irwin Reiter, e l’ex assistente di Weinstein, Leslye Headland. In lista anche numerosi produttori, tra cui Jason Blum, Megan Ellison, Donna Gigliotti e Jennifer Todd.

LEGGI ANCHE – Ben Affleck e il crollo emotivo sul set di Tornare a Vincere

La fama di Ben Affleck esplose nel 1997, grazie al film Will Hunting – Genio ribelle, distribuito dalla Miramax, ex società di Harvey Weinstein. L’anno successo, l’attore recitò in Shakespeare in Love, prodotto sempre da Weinstein e grande protagonista degli Oscar 1999. In seguito alla diffusione delle accuse di molestie sessuali ai danni di Weinstein, Affleck dichiarò che avrebbe donato in beneficenza tutti i profitti residui dei suoi film realizzati con la Miramax e la Weinstein Company.

La “lista rossa” di Weinstein è solo uno dei tanti documenti emersi in questi giorni durante il processo all’ex produttore: tra i documenti anche tonnellate di e-mail, tra cui il pessimo ed agghiacciante messaggio indirizzato a Jennifer Aniston.