È stata finalmente confermata la storia canonica dei Sith, i principali cattivi dell’intera saga di Star Wars. Darth Vader è stato presentato come il “Signore Oscuro dei Sith” nel primo film del franchise; in seguito l’Imperatore Palpatine si è rivelato essere il suo Maestro. Naturalmente, il vecchio Universo Espanso ha sempre provato un grande piacere nell’esplorare la storia dei Sith.

 

Quando George Lucas è tornato al timone della trilogia prequel, le cose sono diventate molto più complicate. La visione di Lucas dei Sith era molto diversa rispetto a quanto visto nell’Universo Espanso, e di conseguenza gli sceneggiatori e i montatori hanno dovuto fare di tutto per chiarire i problemi di continuity. Quando la Disney ha acquisito Lucasfilm nel 2012, ha deciso abbastanza rapidamente che la soluzione più semplice era spazzare via tutto il vecchio universo espanso e ricominciare da zero. Da allora hanno gradualmente ri-canonizzato gli elementi dell’Universo Espanso, con riferimenti “usa e getta” a concetti come “L’oscurità dei cento anni”. Il risultato? Tutto ciò che dovrebbe essere considerato canonico è diventato sempre meno chiaro.

Per chiarire alcune cose, Lucasfilm ha di recente pubblicato “The Star Wars Book“, con il contributo di Pablo Hidalgo, Dan Zehr e Cole Horton. Una sezione dell’opera, intitolata “Unlimited Power”, presenta una storia notevolmente breve dei Sith, confermando tutto ciò che pensavamo di sapere, ma anche semplificando sostanzialmente le cose. Come leggiamo grazie a Screen Rant:

“I Sith sono un ordine fondato da un gruppo frammentato di Jedi che scoprono il potere grezzo che può essere raggiunto dalla devozione al lato oscuro… A causa della loro origine come un ramo dei Jedi, i Sith somigliano superficialmente ai Cavalieri Jedi. Le loro vesti e i loro cappucci mostrano forti influenze Jedi e la loro arma preferita è la spada laser. I Sith riversano il loro odio e la loro rabbia nei cristalli kyber che costituiscono il nucleo delle loro armi. Questo atto crea una lama rossa, un colore che non si trova tra i Jedi.

Nonostante il loro numero, i Sith non riescono a mantenere un ordine ben strutturato simile ai Jedi. La filosofia guida dei Sith è l’ascensione ad ogni costo. Qualsiasi struttura rigida crollerebbe inevitabilmente quando gli ambiziosi Signori dei Sith si contendono il controllo. Colpi di stato e intrighi sono comuni nei loro ranghi.

Questo segna il destino del tentativo originale dei Sith di governare la galassia millenni prima dell’era moderna. Anche se riescono quasi a conquistare la Repubblica, i combattimenti accelerano la fine dei Sith, venendo sconfitti dall’Ordine Jedi.”

La storia dei Sith all’interno del canone di Star Wars

È un racconto ampio, ma si adatta perfettamente alla tradizione consolidata. I Sith sono immaginati come una fazione di Jedi che cedette al lato oscuro e che fu espulsa dall’Ordine fuggendo nell’ombra. Devono essersi stabiliti sul pianeta Moraband (a volte chiamato Korriban), una potente vergenza nella Forza immersa nel lato oscuro. Lì, padroneggiarono i loro poteri e iniziarono a costruire un numero sufficiente per tornare a vendicarsi e stabilire il primo impero Sith. Sfortunatamente, il lato oscuro è competitivo piuttosto che cooperativo, e alla fine si sono rivoltati l’uno contro l’altro. Questo spiega chiaramente perché Darth Bane ha stabilito la “Regola dei Due”, al fine di limitare e controllare il potenziale di tali combattimenti.

Chiunque abbia familiarità con l’Universo Espanso noterà che un elemento principale è stato rimosso dal canone. Fino a Star Wars: Episode I – La minaccia fantasma, gli autori dell’UE pensavano che i Sith fossero in realtà una razza aliena. Ecco perché hanno creato Korriban, letteralmente immaginato come il pianeta natale dei Sith. Ciò ha portato ad alcuni retcon decisamente goffi, ma l’intera questione è stata ora accuratamente cancellata. Per quanto riguarda il nuovo canone, non c’è mai stata una razza Sith di per sé, e la storia dei più grandi cattivi di Star Wars è molto più semplice.