Salito alla ribalta dopo il successo del suo primo lungometraggio District 9 del 2009, Neill Blomkamp è diventato in breve tempo una delle voci più interessanti all’interno del genere sci-fi. Proprio per questo, alcuni anni fa il regista era stato incaricato di dirigere il quinto capitolo della saga di Alien.

Quel progetto non ha mai visto la luce, e ancora oggi le ragioni dietro la sua cancellazione rimangono oscure (secondo una delle teorie più accreditate, la decisione di accantonare il film sarebbe stata presa in seguito al flop al botteghino di Humandroid, film diretto da Blomkamp nel 2015, anno in cui il quinto capitolo di Alien venne annunciato per la prima volta).

Parlando con The Guardian in occasione della promozione del suo nuovo film, l’horror Demonic (che Blomkamp ha scritto e girato durante la pandemia), al regista è stato chiesto ancora una volta del suo film di Alien che non ha mai visto la luce. Il diretto interessato ha spiegato che è stato molto difficile affrontare la cancellazione del progetto, anche perché Sigourney Weaver era davvero entusiasta del film.

“Mi sono sentito male anche per Sigourney Weaver, perché era davvero coinvolta dalle idee che avevo portato avanti. E mi sentivo allo stesso modo anche per i fan di Aliens – Scontro finale, perché c’era l’opportunità di fare un altro film con Sigourney in un modo che avrebbe potuto soddisfare ciò che la gente voleva e ciò che penso volessi anch’io. Mi sentivo come se quel progetto fosse davvero ciò che il pubblico voleva, ecco perché non me ne capacito ancora oggi… dopotutto, non penso che Fox avrebbe rinunciato davvero ai soldi che avrebbe potuto incassare.”

Alien 5 sarebbe stato un sequel diretto di Aliens – Scontro finale di James Cameron, e non avrebbe tenuto in considerazione i fatti accaduti nei capitoli tre e quattro. Per il resto, non si è mai saputo molto sulla trama del film, a parte qualche concept art diffuso in rete (che potete vedere qui).