sigourney weaver

Sigourney Weaver è una di quelle attrici che ha saputo farsi valere nel mondo del cinema e che ha regalato al mondo delle interpretazioni memorabili ed uniche, aprendo la strada (a partire da Alien) alla donna guerriera e combattiva ancora ben presente.

 

Il suo passato non è stato facile, ma l’attrice americana ha sempre lavorato duramente, fronteggiando i pregiudizi e le convenzioni, per costruirsi una carriera solida e per arrivare dove è ora.

Ecco, allora, dieci cose da sapere su Sigourney Weaver.

Sigourney Weaver film

sigourney weaver

1. Sigourney Weaver: i film e la carriera. La carriera di Sigourney Weaver inizia a soli 21 anni quando, nel 1980, debutta in una piccola parte della serie tv Somerset. Ma sarà poco dopo la metà degli anni ’70 che la sua carriera subirà un rapido e costante decollo, apparendo in film come Io e Annie (1977), Madman (1978) e Alien (1979). In seguito recita in Uno scomodo testimone (1981), Un anno vissuto pericolosamente (1982), Ghostbusters  (1984), Aliens – Scontro finale (1986), Un donna in carriera (1988), Ghostbusters II (1989) ed Alien3 (1992). Durante gli anni ’90, recita in Dave – Presidente per un giorno (1993), Tempesta di ghiaccio (1997) e Alien – La clonazione (1997), mentre negli anni Duemila lavora in Una spia per caso (2000), The Village (2004), The Girl in the Park (2007) e Avatar (2009). Tra i suoi ultimi film, vi sono Quella casa nel bosco (2011), Exodus – Dei e re (2014), Ghostbusters (2016), The Meyerowitz Stories (2017) e le serie Political Animals (2012), The Defenders (2017) e Doc Martin (2015-2017).

2. Sigourney Weaver è anche doppiatrice e produttrice. Nel corso della sua carriera, Sigourney Weaver si è cimentata in diversi ambiti del cinema, vestendo i panni della doppiatrice e della produttrice. Come doppiatrice, infatti, ha lavorato al doppiaggio dei film d’animazione Cenerentola e gli 007 nani (2006), WALL•E (2008), Le avventure del topino Despereraux (2008) e Alla ricerca di Dory (2016). In quanto produttrice, invece, la Weaver ha co-prodotto i film Alien3 e Alien – La clonazione.

Sigourney Weaver altezza

3. Sigourney Weaver è un gigante. Se c’è qualcosa da riconoscere a Sigourney Weaver, è proprio l’altezza che l’ha resa un vero e proprio gigante in quel di Hollywood. Infatti, l’attrice americana è alta ben 182 centimetri. Se con queste misure la Weaver ha letteralmente svettato in confronto alla maggio parte dei suoi colleghi di set, ciò le ha comunque permesso di realizzare una carriera nel mondo della recitazione più che solida.

4. Sigourney Weaver ha fatto di un “difetto” la sua virtù. Sigourney Weaver ha raccontato in diverse interviste tutte le problematiche che ha dovuto affrontare a causa della sua altezza. Dalla scuola, in cui veniva presa in giro perché già adolescente era alta un metro e ottanta, a quando veniva guardata male da produttori di film o le venivano dati ruoli da prostituta o da maschio. Eppure, di quello che sembrava essere un difetto, la Weaver ha saputo farne una virtù, grazie anche all’aiuto di Ridley Scott e James Cameron che rifiutano le convenzioni, dando il via ad una schiera di donne guerriere che hanno fatto la storia del cinema.

Sigourney Weaver  Alien

sigourney weaver

5. Sigourney Weaver ha amato girare il primo Alien. In diverse interviste, Sigourney Weaver ha sempre detto di aver amato molto girare Alien, perchè era libera di poter fare quello che voleva, di poter recitare in abiti sporchi e di doversi sempre confrontare con l’entità aliena. L’unica cosa che la spaventava era l’improvvisazione: Ridley Scott non era un tipo da prove e, venendo dal teatro, l’attrice si era trovata un po’ a disagio.

6. Sigourney Weaver vorrebbe realizzare Alien 5. Per alcuni anni si è parlato di una possibile realizzazione del quinto capitolo di Alien e, quando sembrava che si potesse davvero realizzare concretamente, il progetto è naufragato per fare posto ad Alien: Covenant, seguito di Prometheus. Neill Blomkamp sarebbe dovuto essere il regista del film e James Cameron era entusiasta del progetto. Anche se il film non è andato in porto, la Weaver vorrebbe che Alien 5 venisse riconsiderato per il prossimo futuro.

Sigourney Weaver marito

7. Sigourney Weaver è sposata da 35 anni. Della vita privata di Sigourney Weaver si è sempre saputo poco, ma è noto di quanto lei faccia parte di una delle più longeve coppie di Hollywood. L’attrice, infatti, nel 1983 ha conosciuto, durante un festival di teatro, Jim Simpson, per poi sposarsi un anno più tardi. I due, dopo quasi 35 anni di matrimonio, sono sempre più innamorati e tutti questi anni non hanno fatto altro che renderli più forti.

8. Sigourney Weaver è madre molto orgogliosa. Dal suo matrimonio con Jim Simpson, nel 1990 Sigourney Weaver ha avuto una figlia, Charlotte. Per l’attrice americana, la famiglia viene prima di tutto e, con il lavoro che fa, le viene molto difficile lasciarsi per diverso tempo. A causa di ciò, la Weaver si sottoposta anche ad una terapia psicologia per poter risolvere questi sensi di colpa. Uno dei momenti più devastanti in questo senso è stato quando la Weaver doveva andare e stare in Nuova Zelanda per diverso tempo (per girare Avatar), con la figlia che stava per andare al college.

Sigourney Weaver oggi

sigourney weaver

9. Sigourney Weaver ha molti progetti all’attivo. Sigourney Weaver è sempre stata un’attrice che ha lavorato sodo e non è mai rimasta con le mani in mano. L’attrice, infatti, ha molti progetti all’attivo: per il 2020 e il 2021 sono previste le uscite di Avatar 2 e Avatar 3, che la Weaver ha già finito di girare da qualche mese e che ora sono in fase di post-produzione. per il resto, l’attrice sta lavorandod al corto CAF Rise Above: WASP, in uscita per il 2019, mentre sta attendendo di lavorare attivamente alle riprese di Avatar 4 e Avatar 5, con uscite previste per il 2024 e il 2025.

10. Secondo Sigourney Weaver, bisognerebbe farsi un’idea diversa sulla fantascienza. Stando a quanto detto da Sigourney Weaver, secondo lei i critici dovrebbero cambiare di pensiero riguardo la fantascienza e gli effetti speciali, perchè per la maggior parte di essi vi è una profondità di base che non viene sempre colta.

Fonti: IMDb, biography, theguardian, hollywoodreporter