Il lavoro di Andy Serkis è spesso associato al Motion capture, dal momento che molti dei personaggi più celebri interpretati dall’attore britannico sono stati portati in vita sullo schermo proprio grazie alla suddetta tecnologia. Tra questi, il più amato di tutti è sicuramente Gollum, il personaggio più complesso e ambiguo della saga de Il Signore degli Anelli.

La saga letteraria di J.R.R. Tolkien e la conseguente trasposizione cinematografica di Peter Jackson sono piene di personaggi memorabili, ma Gollum è decisamente il personaggio che è riuscito a lasciare un’impronta più duratura. Inoltre, il suo ruolo all’interno della saga de Il Signore degli Anelli è di grande importanza ai fini della trama: svolge il ruolo di guida per i protagonisti Frodo e Sam durante la strada verso Mordor per distruggere l’Unico Anello, del quale era entrato precedentemente in possesso, senza conoscerne le origini o la storia.

Durante una recente intervista con The Guardian, Andy Serkis ha avuto la possibilità di condividere un dettaglio inedito circa la sua preparazione al ruolo di Gollum ne Il Signore degli Anelli. L’attore e regista britannico ha rivelato che, per entrare ancora meglio nel personaggio, aveva preso l’abitudine di camminare a quattro zampe anche fuori dal set. “Ho passato molto tempo a prepararmi per il ruolo di Gollum”, ha spiegato. “Andavo a fare delle lunghe passeggiate a quattro zampe. Duravano ore”. 

Andy Serkis e la dedizione al ruolo di Gollum

Naturalmente, come specificato dallo stesso attore, le cose diventavano anche un tantino imbarazzanti quando capitava di incontrare altre persone. “Di tanto in tanto mi capitava di incontrare persone lungo il mio cammino, e allora fingevo di essere soltanto in cerca di qualcosa. È un metodo che alla fine ha funzionato”. Nonostante il Motion capture, non c’è dubbio che Gollum si stato un ruolo estremamente fisico per Serkis, e queste dichiarazioni, oltre a confermare l’incredibile professionalità dell’interprete, sono un’ulteriore testimonianza di quanto abbia preso a cuore il personaggio.

A sostegno di quanto Gollum sia un personaggio chiave della saga, ricordiamo che lo scorso dicembre il regista Peter Jackson ha rivelato che la sua scena preferita dell’intera trilogia è quella tratta da Le due torri in cui lo Hobbit si batte per decidere se uccidere o meno Frodo e Sam e rubare l’anello per se stesso.