Il Deathstroke di Joe Manganiello avrà finalmente la possibilità di apparire sul grande schermo ed avere un certo minutaggio a disposizione (anche se non sappiamo effettivamente quale sarà il suo ruolo nella storia) grazie all’attesissima Snyder Cut di Justice League, in arrivo il prossimo 18 marzo sia in America che in Italia.

 
 

Inizialmente il personaggio, apparso per la prima volta nella seconda scena post-credits della versione cinematografica di Justice League (scena che, nei fatti, non si è poi collegata a nessun progetto concreto), sarebbe dovuto apparire nel nuovo standalone dedicato a Batman, quando il film era ancora nelle mani di Ben Affleck e non era ancora passato a Matt Reeves, che l’avrebbe poi trasformato nel The Batman che arriverà al cinema nel 2022.

Da allora, Manganiello ha più volte parlato dei piani originali per il personaggio di Deathstroke, ribadendo più e più volte che oltre al film di Affleck, la Warner Bros. aveva in cantiere anche uno standalone dedicato a Slade Wilson. In occasione di una recente ospitata all’interno del podcast Happy Sad Confused, l’attore statunitense ha spiegato che la visione di Affleck era stata fortemente influenzata dal videogioco “Batman: Arkham Origins” per quanto riguarda l’approccio all’azione, spiegando che lui e Affleck avevano guardato il video promozionale dedicato allo scontro tra i due personaggi per capire come orchestrare al meglio le sequenze d’azione.

Sempre nel corso della medesima intervista, Manganiello ha rivelato che inizialmente il personaggio di Deathstroke sarebbe dovuto apparire anche nel sequel di Suicide Squad (la pellicola uscita nel 2016 e non il film diretto da James Gunn). “C’erano quattro o forse cinque versioni differenti di Suicide Squad 2 che includevano anche il mio personaggio”, ha spiegato. “Alla fine non è stato realizzato nessun film. C’era una sceneggiatura di Zak Penn, c’era la versione di Gavin O’Connor. C’era una versione con Will Smith, un’altra senza Will Smith, una in cui c’eravamo solo io e Will Smith. Siamo andati avanti così per molto tempo.”

Come già avvenuto in passato, Manganiello ha fatto ancora una volta riferimento al futuro di Deathstroke dopo l’uscita della Snyder Cut. L’attore ha spiegato che i fan resteranno estasiati da ciò che Zack Snyder ha fatto con il personaggio nella sua versione del cinecomic, lasciando intendere che potrebbe davvero esserci un futuro per il personaggio sul grande schermo, indipendentemente da chi verrà chiamato ad occuparsene: “Penso che ci sarà molto eccitazione nel continuare quello che Zack ha fatto nel suo film”, ha dichiarato.

Joe Manganiello sullo standalone di Deathstroke mai realizzato

In un’altra intervista con The Hollywood Reporter, invece, l’attore ha parlato dello standalone di Deathstroke, spiegando che il progetto è stato sospeso tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 a causa dei cambiamenti esecutivi avvenuti all’interno della Warner Bros. Manganiello aveva scritto un trattamento ed era stato lui a convincere il regista Gareth Evans (The Raid – Redenzione) ad occuparsi della regia, nonostante questi non fosse particolarmente convinto. Tuttavia, come spiegato dall’attore, la Warner Bros. era riluttante a dare il via libera ad un film basato su un supercriminale: “Quando le cose si sono calmate, non è stata vista come una priorità fare un film da 40 milioni di dollari sulle origini di un cattivo.”