Tom Holland, interprete di Spider-Man nel MCU, ha rivelato qual è il suo segreto per assicurarsi che la sua versione di Peter Parker mantenga sempre un comportamento distintivo. Il giovane attore ha debuttato nel MCU grazie a Captain America: Civil War del 2016. Da allora, è apparso in Spider-Man: Homecoming e Spider-Man: Far From Home, i due film in solitaria dedicati all’Uomo Ragno, ma anche in Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame.

 

Ora che l’attore ha assunto il pieno controllo del ruolo (ricordiamo che è attualmente impegnato con le riprese di Spider-Man 3), molti fan sostengono che Holland sia effettivamente la miglior iterazione di Peter ParkSpider-Man: il “segreto” dell’interpretazione di Tom Holland è nella fisicitàer mai apparsa al cinema. Ciò deriva principalmente dalla sua capacità di catturare l’esuberanza e la relativa innocenza del protagonista. Di recente, l’attore ha spiegato come fa ad assicurarsi che Peter mantenga lo stesso comportamento – e quindi appaia sempre allo stesso modo agli occhi del pubblico – in diversi film.

Intervistato dal Los Angeles Times in occasione della promozione del suo nuovo film Cherry, Tom Holland ha fatto luce su come riesce a distinguersi tra le sue interpretazioni. L’attore ha citato la fisicità come componente chiave del suo approccio, usando Peter come esempio di come un certo tipo di movimento possa essere utilizzato per trasmettere alcuni tratti caratteriali specifici. “La fisicità per me è il modo più grande con cui cerco di distinguere i personaggi che interpreto. Se guardi Peter Parker, è parecchio frizzante e faccio questa cosa in cui lascio che le braccia quasi si sciolgano. Gli dà questa fisicità giovanile, quasi da bambino.”

Le osservazioni di Holland sono in linea con uno dei principali motivi sul perché sia ​​un otttimo interprete di Spider-Man. Data la sua formazione come ginnasta e la sua esperienza come ballerino, l’attore aggiunge un elemento non verbale che diventa cruciale nel suo lavoro sull’arrampicamuri: gli permette, infatti, di esprimere ciò che Peter sta provando non solo attraverso le sue espressioni, ma anche attraverso una postura apatica e movimenti nervosi delle mani.

Dato che Peter indossa spesso la sua maschera e spesso cerca di nascondere come si sente davvero, questi cambiamenti fisici apparentemente insignificanti possono invece fare molto per migliorare la sua personalità. Ciò è evidente nella memorabile scena di Spider-Man: Homecoming in cui Peter è intrappolato sotto le macerie. La disperazione e la resilienza dell’eroe possono essere testimoniate nei movimenti leggeri ma precisi dell’attore tanto quanto nelle sue parole.

Cosa sappiamo di Spider-Man 3?

Di Spider-Man 3 – che arriverà al cinema il 17 Dicembre 2021 – si sa ancora molto poco, sebbene la teoria più accredita è quella secondo cui il simpatico arrampicamuri sarà costretto alla fuga dopo essere stato incastrato per l’omicidio di Mysterio (e con il personaggio di Kraven il Cacciatore che sarebbe sulle sue tracce). Naturalmente, soltanto il tempo sarà in grado di fornirci maggiori dettagli sulla trama, ma a quanto pare il terzo film dovrebbe catapultare il nostro Spidey in un’avventura molto diversa dalle precedenti…

Tom Holland si è unito al MCU nei panni di Peter Parker nel 2016: da allora, è diventato un supereroe chiave all’interno del franchise. Non solo è apparso in ben tre film dedicati ai Vendicatori della Marvel, ma anche in due standalone: Spider-Man: Homecoming e Spider-Man: Far From Home. La scorsa estate, un nuovo accordo siglato tra Marvel e Sony ha permesso al personaggio dell’Uomo Ragno di restare nel MCU per ancora un altro film a lui dedicato – l’annunciato Spider-Man 3 – e per un altro film in cui lo ritroveremo al fianco degli altri eroi del MCU.