X-Men film

Sono trascorsi più di vent’anni dall’uscita del primo X-Men del 2000 nelle sale, il film che ha lanciato non solo i celebri mutanti della Marvel sul grande schermo ma anche la carriera di Hugh Jackman, che proprio grazie al ruolo di Wolverine avrebbe conosciuto la fama mondiale.

Nonostante nell’ultimo anno siano emersi numerosi dettagli in merito a quanto sia stata difficile la produzione della trilogia originale (essenzialmente a causa del carattere irascibile del regista Bryan Singer, come rivelato non solo da Halle Berry ma anche dal produttore Tom DeSanto), quell’esperienza pare sia stata comunque indimenticabile per un membro del cast in particolare, e il merito pare essere proprio di Jackman.

L’attrice Anna Paquin, che nei primi film degli X-Men ha interpretato il ruolo di Rogue, ha lodato il lavoro di Hugh Jackman nei panni di Wolverine durante una recente intervista con SiriusXM. “Sicuramente, Hugh è stato il mio migliore amico durante le riprese del primo film”, ha spiegato l’attrice. “Poi hanno iniziato a coinvolgere nel cast attori più vicini alla mia età, quindi poi si creò questa sorta di gruppo formato da attori più giovani. Ma Hugh era la persona a cui mi sentivo più vicina durante il primo film, anche perché la maggior parte delle mie scene erano con lui. È semplicemente meraviglioso.”

“Abbiamo passato moltissimo tempo insieme durante quel periodo”, ha aggiunto. “È una persona adorabile e gentile. Ha passato l’inferno sul quel set e non si è mai, mai lamentato. Un giorno eravamo a -40° e non so quante volte hanno girato una scena in cui doveva cadere da un edificio e atterrare sulla schiena. Nonostante tutto, è sempre stato gentile.”

Anna Paquin e Hugh Jackman hanno recitato insieme anche in X-Men 2 e in X-Men: Conflitto finale. L’attrice ha poi ricordato un altro momento che ha contribuito a consolidare la loro amicizia durante le riprese del primo film. “Ad un certo punto, mentre stavamo girando la scena del camion all’inizio del film, aveva il suo costume e aveva anche gli artigli. Doveva però fumare anche un sigaro, così ho dovuto toglierli il sigaro dalla bocca perché non erano in grado di farlo da solo a causa degli artigli senza farsi male. Dopotutto, a questo servono gli amici, giusto?”