Batman v Superman: Zack Snyder spiega la famigerata scena di “Martha”

Parlando di Rebel Moon - Parte 2: Lo Scargiver, il regista Zack Snyder ha spiegato perché non ha realizzato Man of Steel 2 e offre la sua opinione sulla discussa scena "Martha!" di Batman v Superman: Dawn of Justice.

-

Quando Zack Snyder ha annunciato Batman v Superman: Dawn of Justice al Comic-Con di San Diego del 2013, i fan della DC sono stati felicissimi. Si cominciava a pensare che i personaggi non avrebbero mai condiviso lo schermo, e quel sottotitolo – anche se non proprio sottile – faceva anche pensare alla formazione della Justice League.

Se a ciò si aggiunge il fatto che Zack Snyder ha rivelato il film citando Il ritorno del cavaliere oscuro di Frank Miller, le cose si sono messe bene per il sequel dell’Uomo d’acciaio. Parlando con Josh Horowitz, il regista ha spiegato perché ha deciso di riunire Superman e Batman sullo schermo piuttosto che andare avanti con l’atteso seguito di Man of Steel.

Zack Snyder sul perché non ha diretto L’uomo d’acciaio 2

Una volta che si parla del fatto che Bruce Wayne esiste nello stesso mondo di Superman, giusto? Allora si entra in un concetto di Batman. Devi concludere questo pensiero“, ha spiegato Snyder. “Ora, L’uomo d’acciaio 2, se dovessi realizzarlo, sai con Brainiac o qualsiasi cosa tu voglia fare, cosa che certamente avrebbe potuto essere… e forse è così, lo tieni in sospeso per un film, e questo è possibile“.

Sentivo che avevo bisogno di sapere qual era l’opinione di Bruce su questa cosa, come l’opinione di Bruce sulla quasi distruzione del mondo. E dipende davvero da quanto pensi che Batman sia importante in Trinità“. Per quanto sia stato incredibile vedere queste due icone condividere lo schermo – e farsi la guerra l’un l’altra -, molti fan si sono soffermati su una scena in particolare: ci riferiamo, ovviamente, alla famigerata sequenza “Martha!“.

Zack Snyder sulla famigerata scena di Batman v Superman

In questo caso, Il Cavaliere Oscuro sta per sferrare un colpo mortale all’Uomo del Domani quando quest’ultimo chiama sua madre, Martha… lo stesso nome della madre morta di Bruce Wayne. Batman cede al kryptoniano.

Ecco come Snyder razionalizza quello che credeva sarebbe stato un momento “incredibile” nel blockbuster del 2016. “Quando [lo sceneggiatore] Chris Terrio e io ne stavamo parlando, lui mi ha detto: ‘Sai che le loro madri hanno lo stesso nome’, e io ho pensato: ‘Oh, è pazzesco, non ci avevo mai pensato’. E lui: “Sì, immagina che Batman veda Superman come un alieno, un mostro, ma si renda conto che la sua defunta madre ha lo stesso nome di questa cosa che lui considera non umana. Questo lo farà andare fuori di testa”. E io ho pensato: “Lo prenderà, è fantastico“”.

Cos’altro potrebbe dire a Batman, con in mano la lancia di Kryptonite che sta per conficcarsi nel suo cuore – tipo, cosa dirà per convincerlo che il suo amore per l’umanità è pari a quello di Batman? Voglio dire, davvero, [Batman] potrebbe ucciderlo in un secondo, letteralmente in un secondo, quindi è per questo che ho pensato: ‘Ok bene, deve tentare qualsiasi cosa, ogni possibile trucco‘”. Ecco l’intervista:

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -