Steven Spielberg

Il 2018 vedrà in sala ben due film diretti da Steven Spielberg. Il primo Febbraio arriverà al cinema The Post, il film con Meryl Streep e Tom Hanks, sullo scandalo dei Panama Papers, mentre a Marzo, il 29 per l’esattezza, arriverà sul grande schermo Ready Player One, l’adattamento dall’omonimo romanzo di Ernest Cline.

Tuttavia Spielberg non vuole ancora riposarsi, nonostante la lunghissima carriera nel mondo del cinema alle spalle. Nel suo immediato futuro infatti ci sarà il progetto ancora in gioco di Indiana Jones 5 e un remake di West Side Story, in cui il regista si cimenterà con il genere musical.

Steven Spielberg a Milano per The Post: “La stampa libera è il guardiano della democrazia

Per quello che riguarda Indiana Jones 5, sembra che Chris Pratt sia la prima scelta in quanto a successore di Harrison Ford, che pure prenderà parte al film. La sceneggiatura, già pronta, è firmata da David Koepp e il film dovrebbe arrivare nel 2020.

Per quanto riguarda il remake di West Side Story, che rappresenta senza dubbio un progetto più interessante, Tony Kushner ha già cominciato a lavorare alla sceneggiatura, anche se dal team di Spielberg non ci sono state ancora conferme ufficiali.

A quanto pare, invece, The Kidnapping of Edgardo Mortara è stato accantonato perché, dopo aver provinato oltre duemila bambini, Steven Spielberg non ha ancora trovato il protagonista adatto a interpretare il giovane ebreo cresciuto da cristiano nell’Italia del 19° secolo.

Nonostante l’età, i premi, e la carriera stellare, Spielberg non sembra affatto interessato a smettere di raccontare le sue storie.

Fonte: Deadline