La Teoria del tutto

Ultimo giorno per il XVIII Tertio Millennio Film Fest della manifestazione organizzata dalla Fondazione Ente dello Spettacolo. A chiudere la manifestazione sarà alle ore 20.30 l’attesa anteprima di La Teoria di Tutto, film di James Marsh sulla vita dell’astrofisico Stephen Hawking con Eddie Redmayne, Felicity Jones ed Emily Watson già dato come papabile agli Oscar.

 
 

Tratto dal libro Travelling to Infinity: My Life with Stephen, racconta la storia di una delle menti più brillanti ancora in attività nonostante tutto, l’astrofisico Stephen Hawking. Nel 1963, il ventunenne Stephen è uno degli studenti di cosmologia più promettenti dell’Università di Cambridge, grazie alle sue ricerche mirate a trovare una spiegazione – semplice ed eloquente allo stesso tempo – sul funzionamento dell’universo. Per di più, lo stesso anno incontra Jane Wilde, studentessa come lui a Cambridge, e futura compagna di una vita. Resterà al suo fianco sempre, anche quando al giovane astrofisico verrà diagnosticato un malfunzionamento dei neuroni motori che lo costringerà a vivere su una sedia a rotelle. Ma, come ripeterà più volte Stephen nel corso della sua difficile ma illuminante esistenza, «per quanto la vita possa sembrare difficile, dove c’è vita c’è speranza».

La giornata di proiezioni si aprirà alle ore 16.30 con l’Evento Speciale A Sud del Sud di Salvatore Metastasio, promosso dall’Instituto Cervantes di Roma, dalla Federazione Unitaria Scrittori Italiani (FUIS) e in collaborazione con la Fondazione Ente dello Spettacolo.
Sceneggiato da Nicola Bottiglieri e girato fra il Cile e l’Argentina, nella Terra del Fuoco, il film commemora il centenario della prima Croce dei Mari, installata a Capo Froward dal sacerdote salesiano di origine uruguayana, don Luis Hector Sallaberry. Un viaggio tra passato e presente; l’incontro tra due generazioni; l’entusiasmo e la speranza, oppure l’addio, all’ombra della Croce Bianca, nel punto dove “finisce il mondo” e si apre l’infinito. Il silenzio accompagna le immagini lucenti, rarefatte e struggenti della terra patagonica australe argentina e cilena. Luoghi che raccontano una lunga storia che per diversi motivi spingono due uomini che cercano il passato, alla ricerca di se stessi.

Alle ore 18.30 sarà la volta di Ilo Ilo di Anthony Chen, vincitore del Premio Caméra d’or alla 45ma Quinzaine des Réalisateurs (Cannes, 2013). Singapore. Teresa, come tante altre donne filippine, è arrivata in città in cerca di una vita migliore ed è stata assunta come cameriera dalla famiglia Lim. Ben presto la sua presenza in famiglia peggiora i rapporti già tesi tra genitori e figli; soprattutto, Teresa sviluppa un profondo legame di amicizia con Jiale, il più piccolo e indisciplinato dei bambini. È il 1997, e la crisi finanziaria in Asia comincia a farsi sentire…