RUN HIDE FIGHT

Sarà presentato oggi fuori concorso a Venezia77 Run Hide Fight, il film diretto da Kyle Rankin e prodotta da Dallas Sonnier e Amanda Presmyk. Protagonisti sono Thomas Jane, Radha Mitchell, Isabel May, Eli Brown, Olly Sholotan, Treat Williams, Barbara Crampton, Britton Sear, Cyrus Arnold, Catherine Davis e Joel Michaely.

 
 

Ho scritto Run Hide Fight per affrontare la mia paura e impotenza di fronte alle sparatorie di massa. Il mio intento non è mai stato quello di sfruttare il dolore di qualcuno, ma quello di dar vita a un confronto civile sulle armi in America. Il film non è concepito né a favore né contro le armi, in modo da incoraggiare un dialogo anziché una divisione, soprattutto tra amici che hanno visioni opposte su un tema complesso come questo. Spero che guardando il film, il pubblico pensi a quali scelte farebbe e chi vorrebbe essere se si trovasse nella posizione di Zoe. In definitiva, il film vuole essere emotivamente vero e lasciare agli spettatori un ricordo che sembri quasi il loro.

Run Hide Fight, la trama

Zoe Hull, diciassettenne, ha delle questioni irrisolte. Non ha ancora superato la recente morte di sua madre e talvolta le parla come se fosse ancora viva. Non sopporta suo padre, un ex-militare, per la sua apparente mancanza di emozioni, ma ogni giorno indossa la sua giacca dell’esercito come fosse un’armatura. Il suo migliore amico, Lewis, le ha appena chiesto di accompagnarlo al ballo di fine anno, perché vorrebbe che la loro relazione diventasse qualcosa di più di quanto lei sia in grado di gestire. Tutto ciò che Zoe vuole è passare le poche settimane conclusive del suo ultimo anno di scuola e andarsene al college per cominciare una nuova vita. Invece, la sua scuola viene attaccata da quattro studenti nichilisti e armati, che hanno intenzione di trasformare il loro assedio nella peggior sparatoria scolastica della storia. Gli assassini prendono velocemente il controllo della situazione e puntano le armi contro i sopravvissuti per radunarli insieme, trasformando una sparatoria in un sequestro di ostaggi e tenendo la polizia a debita distanza. Il capobanda, Tristan, registra gli eventi in diretta livestream, ottenendo la fama mondiale che desidera. Utilizzando le tecniche che il padre le ha insegnato, Zoe riesce a fuggire, ma rischia la vita per tornare all’interno della scuola. Senza avere un piano, guidata dall’istinto, salva chi può, fino a rendersi conto di essere pronta non solo ad aiutare gli altri a fuggire e nascondersi, ma ad affrontare gli assassini e combattere.