Star Wars: gli errori e le occasioni perse della trilogia sequel

2291

Star Wars: L’Ascesa di Skywalker ha superato il miliardo al box office ma non è stato certo considerato un successo, soprattutto paragonando i suoi incassi con i due film precedenti. C’è da dire che le forti critiche a Gli Ultimi Jedi hanno influenzato il pubblico in maniera decisiva e così in molti sono stati demotivati di fronte alla possibilità di vedere la conclusione della trilogia e dell’intera saga.

Sembra giusto dire che i sequel hanno fatto del loro meglio per cercare di dare continuità alla saga, rendendo comunque omaggio a ciò che era stato prima, ma sembra altrettanto giusto sottolineare che in molte occasioni la trilogia ha perso delle opportunità e ha commesso degli errori. Eccone alcuni:

10L’arco narrativo di Finn

 

Vi ricordate quando Finn era uno Stormtrooper riluttante in forze al Primo Ordine e che poi aveva disertato? Nonostante non desiderasse altro che sfuggire al Capitano Phasma ed essere libero, la sua amicizia con Rey lo ha messo su un percorso eroico che gli è quasi costato la vita per mano di Kylo Ren.

Tuttavia, all’inizio de Gli Ultimi Jedi, Finn era di nuovo un codardo e ha intrapreso lo stesso viaggio, anche se con Rose al suo fianco invece di Rey. L’Ascesa di Skywalker, nel frattempo, ha ignorato tutto ciò, trasformando questo ex Stormtrooper in un eroe generico che si era reso conto di essere sensibile alla Forza completamente di punto in bianco.

Esplorare cosa significasse per Finn essere uno Stormtrooper è stato tristemente trascurato nei sequel, un vero peccato considerando che non avevamo mai avuto la possibilità di conoscere da vicino uno di questi anonimi soldati con una pessima mira. L’episodio IX di Colin Trevorrow avrebbe affrontato questo problema, ma Abrams non lo ha fatto.

Indietro