Thor: l’evoluzione dell’eroe nel corso del MCU

Chris Hemsworth ha interpretato Thor fin dal primo film dedicato all'eroe, continuando a renderlo sempre più interessante nel corso degli anni. Nonostante gli alti e bassi, è comunque diventato un eroe affascinante e divertente.

1346

Tutti gli eroi del MCU si sono evoluti nel tempo, ma Thor è probabilmente quello che è cambiato di più dal suo debutto. Essendo forse l’eroe più “attivo” del franchise, è stata una grande sfida adattare il personaggio del Dio del Tuono sul grande schermo, ma alla fine i Marvel Studios ce l’hanno fatta. Il figlio di Odino aveva soltanto bisogno di un nuovo approccio, e alla fine è diventato uno dei Vendicatori più amati. Chris Hemsworth ha interpretato il ruolo fin dal primo film dedicato all’eroe, continuando a renderlo sempre più interessante nel corso degli anni. Sebbene il personaggio abbia avuto i suoi alti e bassi, è comunque diventato un eroe affascinante e divertente:

10Il modo di parlare

 

Uno dei maggiori ostacoli da superare con un live-action dedicato a Thor era quello di non rendere ridicolo il suo modo unico di parlare. Nei fumetti, Thor ha sempre parlato in maniera shakespeariano. Saggiamente, per il primo standalone il MCU ha scelto Kenneth Branagh, regista noto per i suoi film ispirati alle opere del Bardo.

Il percorso legato al modo di parlare del personaggio ha funzionato piuttosto bene, un qualcosa sul quale si è anche scherzato in parecchi film dell’universo condiviso. Tuttavia, in Thor: Ragnarok il figlio di Odino ha iniziato a parlare più o meno come parla Chris Hemsworth nella vita reale, abbandonando i toni elevati dell’inizio, cosa che – in fondo – non sembra essere dispiaciuta a nessuno…

Indietro