Marvel Studios, un dirigente spiega perché si è deciso di risuscitare Marvel Television

Brad Winderbaum dei Marvel Studios ha parlato della decisione di far risorgere la Marvel Television per i futuri show televisivi del MCU, rivelando che lo studio si sta raffreddando per assicurarsi che tutto...

-

Marvel Television, diretta da Jeph Loeb sotto l’occhio vigile del presidente di Marvel Entertainment Ike Perlmutter, ha chiuso i battenti nel 2019. All’epoca, la Disney ha dato il pieno controllo del MCU a Kevin Feige, portando i Marvel Studios a sviluppare una serie di progetti per Disney+.

Sebbene la Marvel Television abbia commesso molti errori, i Marvel Studios hanno imparato rapidamente che lo sviluppo di serie televisive non era così facile come avrebbero potuto credere.

L’approccio come ai film, con “Head Writers” al posto degli showrunner (e costosi reshoots che hanno risolto problemi evidenti in post-produzione) li ha costretti a tornare al tavolo da disegno. Dopo la revisione creativa di Daredevil: Born Again, i futuri progetti per il piccolo schermo saranno realizzati come le serie televisive tradizionali.

Inoltre, saranno realizzati sotto la nuova bandiera “Marvel Television“, una mossa che ha scioccato i fan all’inizio di questa settimana. Parlando con ComicBook.com, il responsabile di TV, Streaming e Animazione dei Marvel Studios Brad Winderbaum ha spiegato la decisione di resuscitare l’etichetta.

Vogliamo assicurarci che la Marvel rimanga una porta aperta per le persone che vogliono entrare ed esplorare“, ha spiegato. “Sulla scia di Endgame, penso che ci fosse, forse, un po’ di obbligo a guardare assolutamente tutto per poter guardare qualsiasi cosa”.

Come sapete, in quanto fan dei fumetti, sono progettati per fare un salto, trovare qualcosa che vi piace e usarlo per entrare nell’universo, e poi potete esplorarlo e intrecciarlo in base alle vostre preferenze. Quindi, parte del rebranding dei Marvel Studios, della Marvel Television, della Marvel Animation e persino di Marvel Spotlight è, credo, cercare di dire al pubblico: ‘Puoi entrare ovunque’“.

Cosa ha detto Winderbaum sulla interconnessione dei prodotti Marvel Television?

Sono interconnessi ma non lo sono“, ha continuato Winderbaum. “Non devi guardare A per goderti B. Puoi seguire la tua felicità. Puoi seguire le tue preferenze e trovare quello che vuoi all’interno dell’arazzo della Marvel.

Questo ha senso, dato che i Marvel Studios hanno probabilmente iniziato a chiedere troppo al loro pubblico casuale aspettandosi che guardassero WandaVision per capire il sequel di Doctor Strange o rendendo Loki una visione essenziale per capire, beh, l’intera Saga del Multiverso.

Tuttavia, ci saranno persone deluse per la potenziale mancanza di connettività nel MCU in futuro.

Stiamo lentamente diminuendo il volume e passando probabilmente a circa due serie televisive all’anno invece di quelle che erano diventate quattro e riducendo la nostra produzione cinematografica da forse quattro all’anno a due, o al massimo tre”, ha dichiarato la scorsa settimana Bob Iger, CEO della Disney. “E stiamo lavorando sodo su questo percorso“.

E ha aggiunto: “Nel complesso, mi sento bene per quanto riguarda lo slate. È qualcosa a cui mi sono impegnato a dedicare sempre più tempo. La squadra è di grande fiducia e la proprietà intellettuale che stiamo estraendo, compresi tutti i sequel che stiamo realizzando, non è seconda a nessuno”.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -