She-Hulk: una squadra tutta al femminile presenta la nuova serie Disney+

-

Arriva il 18 agosto su Disney+ She-Hulk: Attorney at Law, l’ultimo appuntamento seriale della Fase 4 del MCU, e che fa esordire il personaggio di Jennifer Walters, cugina di Bruce Banner e con cui condivide un problemino… verde.

A interpretare l’avvocatessa che si trasforma in supereroina verde è stata chiamata Tatiana Maslany, che abbiamo visto e amato in Orphan Black e che sembra nata per interpretare questo ruolo Marvel. Con lei, a presentare la serie Disney+, anche Ginger Gonzaga che nella serie interpreta Nikki, la migliore amica di Jennifer, Kat Coiro, regista e produttore esecutivo e Jessica Gao, anche lei produttore esecutivo e Head Writer dello show.

Maslany ha dovuto mettersi non solo nei panni di Jennifer, ma anche in quelli di She-Hulk: Attorney at Law, i quali, non solo per taglia, sono molto diversi, ed entrambi con delle difficoltà. “Io non ho mai indossato i tacchi, quindi ho prima dovuto imparare a camminare nelle scarpe di Jen, ed entrare in quelle di She-Hulk è stato un ritorno. Ma è stato divertente andare in aula, è stato belo entrare in questo show che ha dentro tutti questi elementi Marvel, con tantissime strizzate d’occhio, ma che è comunque uno show con una sua identità e una sua personalità.”

Dopo Vedova Nera, Gamora, Captain Marvel, il pubblico del MCU è abituato ad eroine che sono alla pari se non più forti degli eroi maschi che hanno sempre fatto la parte del leone, ma per Kat Coiro la possibilità di portare sullo schermo She-Hulk: Attorney at Law ha rappresentato davvero un momento prezioso ed emozionante della sua vita, non solo come artista, ma come persona.

“Ricordo molto vividamente di quando ero una ragazzina e di cosa mi ha scatenato vedere la copertina di un fumetto di She-Hulk in mezzo al mare dei fumetti con protagonisti maschi. E non sapevo chi fosse o cosa fosse questo fumetto, ma sapendo che esisteva ne rimanevo commossa. E poi ho scoperto che molto di quello che raccontava corrispondeva a qualcosa che sentivo dentro di me, essere responsabile, perdere il controllo, gestire le situazioni di stress. E ricordo che ho comprato quel fumetto e l’ho letto. Quando è arrivata questa possibilità per me è stato davvero un sogno.”

Un aspetto di She-Hulk: Attorney at Law fondamentale per la protagonista è l’amicizia con Nikki, personaggio esuberante e affidabile, interpretato da Ginger Gonzaga. “Io uscirei con Nikki senza pensarci tropo – dice Gonzaga – mi sento come se stessi barando a interpretarla, perché è molto simile a me, e sto attingendo moltissimo da me per metterla in scena. È molto libera. Lei è quella persona che vuoi al tuo fianco, chi può farla franca con qualsiasi cosa, sai, e sa incoraggiarti a fare qualsiasi cosa.” 

La sceneggiatrice Jessica Gao è sembrata invece più interessata allo sviluppo del personaggio, dal momento che ha abbracciato da subito le possibilità della scrittura seriale: “Penso che la bellezza della televisione sia che a differenza dei film, abbiamo davvero tempo e spazio per sederci con il personaggio e imparare di più su di lui. E impari a conoscerli davvero come fossero una persona completamente sviluppata. E la cosa fantastica di Jen Walters, She-Hulk, è che lei, a causa di Tatiana Maslany, è stata capace da subito di farsi capire e conoscere. E lei l’ha resa subito un vero essere umano, si sente immediatamente che è una persona vera che ha una vita. delle esperienze, delle relazioni, ha una famiglia e ha amici. E non è una storia in cui le si trasforma e cambia, lei ha già una personalità sviluppata, ma proprio per questo può cambiare dal giorno alla notte, come accade alle persone vere. Ha alti e bassi, sentimenti, emozioni.”

In merito a She-Hulk: Attorney at Law si sentirà molto spesso parlare di Ally McBeal, la storica serie ambientata nel mondo forense con protagonista la giovane avvocatessa del titolo, la verità è che ogni episodio della serie ha un suo stile e delle sue fonti di ispirazione, almeno stando a quanto dichiara la regista: “Ogni episodio ha davvero un suo distinto gusto. E abbiamo attinto da tanti generi. La risposta facile è che si tratta di una legal comedy con puntate da mezz’ora. Ma ciò ha anche un’enorme portata cinematografica ed elementi di dramma, azione, suspense.” Insomma, in She-Hulk: Attorney at Law ci aspetta una vera e propria altalena emotiva, che non deluderà i fan. “E poi la serie – continua Coiro – è davvero come una sbirciatina dietro le quinte della quotidianità, a volte persino la vita mondana di un supereroe, aspetto che non ci era mai stato offerto, prima.”

Grande guest star della serie, annunciato dal primo giorno, è Mark Ruffalo, che torna nei panni di Bruce Banner/Hulk ed è fondamentale per la nascita dell’eroina protagonista. In merito alla collaborazione con Ruffalo, Maslany ha dichiarato: “Sento che ciò che mi ha sorpreso di più, ma forse no, solo perché so che è un attore incredibile, è stato quanto arriva sul set con questa sensazione di “tutto è nuovo”. Sembra sempre che lo stia esplorando e sperimentandolo per la prima volta. Non c’è mai questo senso del tipo “Sì, sì. Lo faccio da 10 anni, lo so come si fa”. È assolutamente presente. Rimane sempre su quel personaggio e ascolta sempre. E crea davvero questo senso sul set con altri attori, e con la troupe e tutti, di totale gioco e spontaneità. E siamo entrambi in tute mo-cap. Eppure, ci siamo sentiti come se fossimo come due bambini che giocano.”

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

Dall'alto di una fredda torre Vanessa Scalera

Dall’alto di una fredda torre, la scelta di Vanessa Scalera ed...

Al cinema dal 13 giugno, distribuito da Lucky Red, la storia di Dall'alto di una fredda torre (qui la recensione) nasce sul palcoscenico del teatro,...
- Pubblicità -