Your Honor recensione serie tv
- Pubblicità -

Disponibile a partire dal 24 febbraio su Sky Atlantic, in streaming su Noi Tv e su Sky Go per gli abbonati e On Demand, Your Honor segna il ritorno di Bryan Cranston alla serialità. La serie si fregia della prestigiosa etichetta Showtime, e porta la firma di chi di serie di alto livello se ne intende molto bene; si tratta infatti di un adattamento dall’originale israeliano realizzato da Peter Moffat (The Night Of) e prodotto da Robert e Michelle King (The Good Wife/The Good Fight).

 
 

La storia racconta di un giudice, il “your honor” del titolo, Michael Desiato. L’uomo lavora a New Orleans, dove vive insieme al figlio adolescente, Adam, dopo aver perso la moglie. Nel giorno dell’anniversario della morte della donna, il ragazzo decide di andare sull’uomo dell’incidente che ha tolto la vita alla madre, per lasciare un mazzo di fiori. Recatosi nel quartiere malfamato scenario della tragedia, il ragazzo viene aggredito da un gruppetto di teppisti, si spaventa e scappa in automobile. Purtroppo, nella fuga, si distrae e investe un ragazzo che a sua volta perde la vita.

Confuso e terrorizzato scappa a casa, e quando il giudice Desiato torna a casa, il ragazzo confessa tutto. Integerrimo e integro, Michael decide di accompagnare il figlio alla polizia, per costituirsi e tutelare il ragazzo, mentre fa la cosa giusta. Tuttavia, alla stazione di polizia scopre che il ragazzo che è morto nell’incidente causato da Adam è il figlio di uno dei grandi boss della città. Questo significa che qualora il ragazzo andasse in carcere per l’omicidio colposo del suo coetaneo, sarebbe comunque morto, visto che i tentacoli della malavita arrivano ovunque.

Your Honor 1x02Comincia così una vera e propria discesa all’inferno per il giovane Adam e per il giudice Desiato, da sempre difensore della legalità, uomo retto e ligio, che farà di tutto, tentando di aggirare il sistema, per tenere il figlio lontano dai sospettati, mentre il padre della vittima, il boss Jimmy Baxter, è ogni ora più vicino alla scoperta della verità.

Your Honor è il palcoscenico di Bryan Cranston

Your Honor si colloca a metà tra la serie thriller e drammatica, confezionata secondo una struttura procedurale classica vista però dalla prospettiva opposta rispetto alla tradizione. Se infatti in genere questo tipo di narrazione accompagna i buoni a scoprire le malefatte dei cattivi, in questo caso sono i cattivi, o per meglio dire i colpevoli, che tentando di precedere ogni mossa di chi indaga, cercano di nascondere le proprie tracce. Per quanto riguarda struttura e sviluppo, Your Honor è un prodotto abbastanza classico, scritto con grande abilità su una base narrativa molto solida. A dare ulteriore sostanza all’ottima scrittura c’è ovviamente un cast in stato di grazia, guidato da Bryan Cranston. L’amatissimo interprete di Walter White si getta anima e corpo in questo personaggio, in cui in maniera complessa e stratificata convivono l’uomo ligio e integerrimo e il padre spaventato, disposto a tutto per tutelare suo figlio. Lo sviluppo drammaturgia della serie si rispecchia in un crescendo drammatico che Cranston riesce a mettere in scena sempre con gusto ed equilibrio (la sua performance è nominata ai Golden Globes 2021), coadiuvato dal giovane Hunter Doohan e dal solido e bravissimo Michael Stuhlbarg, nei panni di un inquietante ed efferato antagonista.

Your Honor 1x09Pur passando di mano quattro volte (tra cui, per un episodio, anche in quelle di Cranston), la regia dello show è alquanto omogenea, rispecchiando più la visione d’insieme di Moffat che le velleità del singolo regista e questo giova sicuramente alla storia, che senza una sbavatura lascia tutti con il fiato sospeso, ed anche emotivamente provati, fino alla fine.

Your Honor offre dieci ore di ottima televisione, da gustare un episodio per volta, in modo tale da permettere alle forti emozioni evocate di stemperarsi nel corso di una settimana e di lasciar decantare quanto visto, come fosse un bicchiere di buon vino, per potersi gustare meglio tutta la bottiglia.

- Pubblicità -