Hobbit

 

La Nuova Zelanda rimarrà la Terra di Mezzo. Il primo ministro neozelandese John Key ha appena annunciato in conferenza stampa che Lo Hobbit, il film di Peter Jackson che ha ricevuto il via libera pochi giorni fa, verrà girato nel paese come previsto sin dall’inizio.

I delegati della Warner Bros. hanno incontrato produttori e politici neozelandesi negli ultimi tre giorni per ricevere la garanzia che le riprese del film non sarebbero state funestate da azioni industriali come il recente boicottaggio messo in atto da una piccola unione che rappresenta 200 attori locali. In un primo momento il ministro Key sembrava speranzoso, ma ieri sera aveva aggiornato la stampa spiegando che mentre le problematiche legate alla locale legge sul lavoro erano state risolte, la Warner Bros. aveva iniziato ad avanzare eccessive pretese quanto a sgravi fiscali, con richieste che difficilmente la Nuova Zelanda sarebbe riuscita a soddisfare.

Nella conferenza stampa che si è tenuta alle 19.20 di mercoledì (ora locale, da noi erano le 8:20 del mattino), Key ha invece rivelato che la produzione non lascerà il paese. Qui sotto potete vedere la pubblicità pubblicata sul NZ Dominion Post ieri, pagata da un gruppo di lavoratori dell’industria cinematografica neozelandese: l’annuncio di oggi farà tirare un sospiro di sollievo a chi temeva di perdere il lavoro. Si calcola che i 500 milioni di dollari di budget del film (circa 700 milioni di dollari neozelandesi) muoveranno circa due miliardi di dollari nell’economia locale.