Bohemian Rhapsody storia vera

Ci sono cantanti e musicisti le cui vite spericolate e ricche di eccessi non potevano non diventare oggetto di celebrazione al cinema. Nel corso dei decenni, infatti, sono molti i titoli biografici dedicate alle leggende della musica. Da Ray per Ray Charles al più recente Rocketman per Elton John. Un successo clamoroso è però stato quello di Bohemian Rhapsody (qui la recensione), dedicato a Freddie Mercury e i Queen. Diretto da Bryan Singer (il quale però si allontanerà dalla produzione a seguito di contrasti, lasciando il posto a Dexter Fletcher), il film ripercorre i primi quindici anni del gruppo, dal 1970 al Live Aid del 1985.

 
 

L’intenzione di raccontare la vita di Mercury al cinema circolava già da anni in quel di Hollywood e inizialmente il progetto era stato affidato a Sacha Baron Cohen. L’attore voleva però dar vita ad un film che esplorasse in profondità il privato di Mercury e i suoi modi di fare dissoluti, cosa che ai restanti membri dei Queen non sembrò andare a genio. Con l’abbandono di Cohen, si decise così di puntare su un biopic più canonico, celebrativo tanto del cantante quanto della band. Con l’arrivo in sala nel 2018, Bohemian Rhapsody si rivelò un successo straordinario, diventando un inaspettato caso mediatico.

Ad oggi è il biopic musical di maggior successo nella storia del cinema, con un incasso globale di oltre 900 milioni di dollari in tutto il mondo. Pur se storicamente non sempre preciso, il film ha certamente il merito di aver riportato in auge uno dei grandi gruppi della storia del rock. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori e a molto altro. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Bohemian Rhapsody: la trama del film

Il film segue le vicende del giovane Farrokh Bulsara, studente britannico di origine parsi il quale nel 1970 assiste all’esibizione di una band che lo colpirà in particolare. Dato il suo forte desiderio per la musica, il giovane si propone poi a questa come nuovo frontman, dimostrando grandi capacità canore. Fatta così la conoscenza di Roger Taylor e Brian May, Farrokh assume il nome di Freddie Mercury e rinomina la band in Queen. Da quel momento ha inizio un’avventura ricca di eccessi e successi, che porterà il gruppo a doversi scontrare con il dirigente discografico Ray Foster, con i problemi legati alla droga e con il desiderio di offrire sempre di più. L’ideazione di un brano chiamato Bohemian Rhapsody sembrerà però cambiare ogni cosa.

Bohemian Rhapsody: la vera storia dietro al film

Nonostante si sia cercato di rimanere quanto più fedeli alla realtà di come si svolsero gli eventi, il film dà vita ad una serie di modifiche necessarie ai fini del racconto cinematografico. Una prima sostanziale differenza si ritrova nella descrizione dell’incontro tra Mercury e gli altri membri dei Queen. Questi, nella realtà, si conoscevano già tramite la scuola e l’amico in comune Tim Staffell, il quale era il cantante del gruppo all’epoca noto come Smile. Quando poi Staffell lasciò tale ruolo, Mercury venne arruolato come nuovo cantante, dando così vita ai Queen. L’ingresso del bassista John Deacon, invece, risale al 1971, quando il gruppo aveva già provinato diversi altri musicisti per quel ruolo.

Di particolare importanza all’interno del film è poi il rapporto tra Mercury e la sua storica fidanzata Mary Austin. I due, a differenza di quanto mostrato nel film, non si sono conosciuti la stessa sera in cui Mercury incontrò gli Smile. Si conobbero infatti solo in seguito, instaurando un rapporto di amore e amicizia durato anche oltre la loro rottura. Un altro personaggio su cui si sono prese diverse licenze è quello di Ray Foster, il quale è in realtà fittizio e solo vagamente ispirato al capo della Emy Roy Featherstone. Questo, pur se contrario all’idea di pubblicare Bohemian Rhapsody, rimase sempre un sostenitore della band.

Per quanto riguarda i rapporti tra Mercury e il gruppo, invece, va segnalato che i Queen noon si sono mai sciolti come lasciato intendere nel film, ma al massimo si presero alcune pause dai loro progetti. L’esibizione al Live Aid, quindi, non rappresentò una reunion. Il gruppo, infatti, prima di tale concerto avevano da poco rilasciato l’album The Works. Arrivando a raccontare solo fino a questo storico concerto, svoltosi nel 1985, il film ha inoltre anticipato un evento accaduto in realtà solo nel 1987, ovvero la scoperta di Mercury di essere positivo all’HIV. In Bohemian Rhapsody il protagonista annuncia  dunque tale scoperta ben prima di quanto in realtà avvenuto.

Bohemian Rhapsody canzone

Bohemian Rhapsody: il cast del film

Con la rinuncia di Cohen di interpretare Mercury, ad interpretare il celebre frontman è stato chiamato l’attore Rami Malek, divenuto particolarmente noto per la serie Mr. Robot. Egli si dedicò moltissimo al personaggio, studiandolo in ogni sua movenza e modo di fare.  Ha poi passato ore e ore alle prove costumi, indossato un trucco preciso e dei denti posticci Inoltre, Malek ha cercato di capire che cosa avesse ispirato Freddie, cercando di esprimere il suo carattere meraviglioso e le sue sfumature, di renderlo umano, un umano che fa errori come tutti gli altri. Arrivò così a dar vita ad una performance estremamente realistica del cantante, ottenendo per questa innumerevoli premi tra cui l’Oscar al miglior attore.

Nel ruolo degli altri membri della band si ritrovano invece Ben Hardy nei panni del batterista Roger Taylor, Joseph Mazzello in quelli del bassista John Deacon e Gwilym Lee in quelli del chitarrista Brian May. L’attrice Lucy Boynton interpreta invece Mary Austin, la compagna di Mercury. Proprio sul set di questo film è nato anche l’amore tra l’attrice e Malek, oggi coppia nella realtà. L’attore Allen Leech interpreta Paul Prenter, il manager personale di Mercury e suo compagno per un certo periodo. Gli attori Aidan Gillen e Tom Hollander interpretano rispettivamente John Reid e Jim Beach, il primo e il secondo manager dei Queen. Mike Myers compare nei panni del dirigente discografico Ray Foster, mentre Aaron McCusker è Jim Hutton, compagno di Mercury.

Bohemian Rhapsody: la canzone, il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Pubblicato il 31 ottobre del 1975, il singolo Bohemiam Rhapsody è uno dei brani più celebri e osannati di sempre. Primo estratto del quarto album dei Queen, A Night at the Opera, questo è celebre per la sua particolare struttura musicale, composta da cinque diverse parti principali: un’introduzione corale cantata a cappella, un segmento in stile ballata che termina con un assolo di chitarra, un passaggio d’opera, una sezione di hard rock e un altro segmento in stile ballata che conclude su una sezione solo piano e chitarra. Il testo, scritto da Mercury, è quantomai misterioso ma è spesso stato descritto come il messaggio tramite cui il cantante ha dichiarato la propria omosessualità.

Per gli amanti del gruppo e del film, è possibile fruire di Bohemian Rhapsody grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Questo è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes e Tim Vision. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di mercoledì 24 novembre alle ore 21:25 sul canale Rai 1.

Fonte: IMDb, HistoryvsHollywood