rami malek

Rami Malek è il nuovo astro nascente del cinema contemporaneo. Di lui si erano già notate le capacità in passato, grazie a film quali Una notte al museo, L’amore all’improvviso – Larry Crowne, The Master e Papillon. Se nel campo delle serie tv ha avuto la svolta attoriale grazie a Mr. Robot, nel campo del cinema ha catalizzato l’attenzione di tutti con Bohemian Rhapsody.

 

L’attore trentasettenne californiano, di origini egiziane e greche, ha una bella gavetta alle spalle, che si divide tra cinema e televisione. Ha cercato di dare forma al sogno della vita, quello di diventare attore, con molti sacrifici e tanto impegno, anche quando i genitori non erano d’accordo sulla sua scelta di dedicarsi al mondo dell’arte.

Rami Malek: Twilight

rami malek

Non tutti lo sanno, ma Malek ha avuto un ruolo nella saga cinematografica di Twilight, più precisamente in Breaking Dawn – Parte 2 (2012) di Bill Condon. In questo film, l’attore americano interpreta Benjamin, un vampiro creato da Amun in persone. Sia durante che dopo la realizzazione del film, Malek ha ringrazio molto i fan della saga per il supporto ricevuto.

Malek da il volto a Benjami un giovane ragazzo diventato vampiro, che ha il potere di manipolare i quattro elementi, ovvero terra, aria, fuoco e acqua. Dal fisico slanciato e dalle origini egiziane, è fedele al suo clan ma è anche indipendente. Sa che Amun lo trattiene perché è la sua arma, ma deciderà poi di seguire i Cullen in battaglia nel momento in cui i Volturi perseverano nel volerli distruggere.

Tuttavia, decide di stare al suo fianco per l’affetto che lo lega a lui, come quello di un figlio verso il padre. Per Malek, Breaking Dawn è stato uno dei suoi primi film dopo Una notte al museo (2006), Una notte al museo 2 – La fuga (2009) e L’amore all’improvviso – Larry Crowne (2011). In contemporanea al film, ha recitato anche in Battleship (2012) e The Master (2012) di Paul Thomas Anderson.

Rami Malek: Freddie Mercury

rami malek

Alla fine di novembre del 2016 venne annunciato che Rami Malek sarebbe stato Freddie Mercury nel film dei Queen in uscita nel 2018. Ora che il 2018 è arrivato, è possibile vedere l’interpretazione pazzesca di Malek.

L’attore americano arrivava direttamente dalla serie Mr. Robot e pare che per presentarsi alla produzione avesse registrato un video in cui cantava e che lo avesse mandato ai Queen, per fare in modo che lo ascoltassero prima di vederlo. In ogni caso, ha dovuto poi cantare dal vivo davanti a Brian May e Roger Taylor e sembra che la scelta sia stata subito unanime. Così inizia la storia dell’interpretazione della stella della musica rock, anche se entrare in un personaggio così sfaccettato e complesso non deve essere proprio facile.

Per prepararsi al ruolo, oltre ad aver visto tutti i video di Freddie, Malek ha studiato i movimenti di alcuni cantanti, immaginando che possano aver ispirato Mercury: Liza Minnelli, David Bowie e Jimi Hendrix. Ha passato ore e ore alle prove costumi, ha indossato un trucco preciso e dei denti posticci (che sembra siano stati un vero incubo).

Ma, più che altro, Malek ha cercato di capire che cosa avesse ispirato Freddie, cercando di esprimere il suo carattere meraviglioso e le sue sfumature, di renderlo umano, un umano che fa errori come tutti gli altri. Eppure, in un certo senso, per aver ottenuto questo ruolo dovrebbe ringraziare Sacha Baron Cohen.

Il progetto di realizzare un film come Bohemian Rhapsody era già in ballo dal 2010 e Cohen era la prima scelta per il ruolo di Mercury. Tuttavia, dopo una serie di problematiche, nel 2013 viene confermato l’abbandono al progetto da parte di Cohen a causa di divergenze artistiche tra lui e i due membri dei Queen. Sembra che Cohen abbia espresso fermamente la volontà di andare più a fondo nella vita di Mercury e che questo non sia andato a genio a May e Taylor.

Rami Malek: Instagram

Malek non ama molto i social. In più interviste ha dichiarato di non fare uso e di non esserne molto interessato. Il motivo? Estraniano troppo dalla realtà e sono troppo impersonali. Ai social preferisce passare del tempo con la sua famiglia o con i suoi amici, oppure andare a fare una passeggiata o isolarsi per un paio di giorno e staccare la spina.

A dimostrazione di quanto detto, Malek non ha nessun profilo Instagram. Tuttavia, l’attore ha una pagina Facebook, che non viene aggiornata dal 2016, e un profilo Twitter che usa molto di rado. Sembra che la presenza su questi social sia dovuta al fatto di voler creare un luogo di discussione circa la serie Mr. Robot.

Rami Malek: Until Dawn

rami malek

Nel 2015 decide di prestare la sua voce per uno dei personaggi del videogioco Until Dawn. In questo videogioco horror, pubblicato dalla Sony Computer Entertainment esclusivamente per Playstation 4, Malek presta la propria voce al personaggio di Joshua Washington, detto Josh, uno dei protagonisti.

Until Dawn è un survival-horror e lo scopo è quello di far sopravvivere i protagonisti il più a lungo possibile, attraverso gli 11 capitoli in cui il gioco si divide. I dieci personaggi si trovano in uno chalet per la solita vacanza invernale e cinque di essi decidono di fare uno scherzo ad una loro compagna che, sentendosi umiliata, scappa nel bosco circostante, raggiunta dalla sorella. Quando le due si accorgono di essere seguite da qualcuno, inizia l’avventura.

Rami Malek: Mr. Robot

rami malek

Per Malek, il 2015 è stato l’anno della svolta, cioè da quando ha iniziato ad interpretare il ruolo da protagonista per la serie Mr. Robot. Trasmessa da USA Network, la serie ha avuto ben 3 stagioni e ne è in programma una quarta, che pare sia anche l’ultima.

Malek interpreta Elliot Alderson, un ragazzo che si occupa di sicurezza informatica per la Allsafe Cybersecurity. Elliot ha diversi problemi, tra cui quello principale: relazionarsi con le persone. Questo problema lo fa vivere in un costante stato di ansia, convivendo con deliri dettati dalla paranoia e con allucinazioni.

Eppure, nella vita privata, Elliot è un hacker fenomenale, e usa le sue abilità per scovare i segreti più intimi delle persone. Per questo ruolo, l’attore americano è stato nominato ben due volte ai Golden Globe (nel 2016 e nel 2017) e ha vinto un Emmy nel 2016 come miglior attore in una serie drammatica.

Fonti: IMDb, biography, thefamousepeople