Il Cacciatore, la spiegazione del finale: cosa è successo a Nick?

-

Il Cacciatore (The Deer Hunter) di Michael Cimino è stato premiato come miglior film e un’epopea di guerra che ha seguito tre amici d’infanzia di una cittadina della Pennsylvania, Michael (Robert De Niro), Steven (John Savage) e Nick (Christopher Walken) nel corso della guerra del Vietnam.  Il Cacciatore (The Deer Hunter) è una storia vera per i soldati che hanno vissuto la sua straziante narrazione, con un finale che, a distanza di quarant’anni, rimane uno dei pezzi più sconvolgenti del cinema. Il film non si trattiene dall’esporre le atrocità del combattimento e i loro effetti sulla psiche umana, in particolare per Nick, il suo personaggio più fragile, che dopo la guerra scompare nel mondo del gioco d’azzardo clandestino di Saigon.

Prima di partire per il Vietnam, Nick ha fatto promettere a Mike di non lasciarlo indietro, cosa che perseguita Michael quando torna negli Stati Uniti. Quando scopre che un benefattore anonimo sta inviando denaro all’ospedale per veterani dove Steven è in cura, sospetta che si tratti di Nick. Mike rintraccia Nick e lo trova a giocare alla roulette russa in cambio di denaro, ma il Nick al tavolo da gioco è ben lontano dall’uomo bello e ridente che era nei dintorni della Pennsylvania. Nonostante la loro efficacia drammatica, le scene finali hanno suscitato molte polemiche che hanno fatto discutere Il cacciatore dal 1978.

La morte di Nick e l’ultima partita alla roulette russa spiegate

Il Cacciatore scena roulette russa

Nonostante i migliori tentativi di Mike di comunicare a Nick i ricordi della loro casa, il suo vecchio amico non sembra recepire nulla di tutto ciò, e a turno ognuno di loro fa girare la camera di scoppio e preme il grilletto, finendo per sparare a vuoto. Il tono gelido del gioco è in netto contrasto con la volta in cui giocarono nella giungla durante la guerra, quando un fiducioso Mike disse a un impaurito Nick che tutto ciò che doveva fare era “mettere una camera vuota in quella pistola”. Entrambe le scene della roulette sono intense ma hanno scopi diversi: una mette in evidenza il fuoco indomabile dello spirito umano, l’altra mostra quando si è spento.

Qui, implora disperatamente un Nick distaccato e rettiliano di mostrare un qualsiasi segno che si ricordi di lui e della sua provenienza, cercando di fare qualsiasi cosa per innescare la connessione di Nick con l’umanità. Ha quasi la sua occasione quando Nick ripete le parole “Un colpo, un colpo”, pochi istanti prima di premere il grilletto, ma il sorriso vuoto sul suo volto è di breve durata quando spara e soccombe all’unico proiettile in canna. “Un solo colpo” si riferisce al metodo che Michael usava quando i due cacciavano insieme i cervi, a significare il modo ottimale per uccidere senza che l’animale soffrisse, e ora, in qualche modo, Nick sa che un solo colpo lo libera.

Colto dalla morsa del disturbo da stress post-traumatico (PTSD), in cui tutto ciò che può fare è rivivere il suo trauma, Nick si è rivolto a un gioco che rappresentava gli orrori che aveva visto e da cui era ancora consumato. Sapeva che, una volta tornati a casa, i soldati diventavano dei gusci di se stessi, con uno stato psicologico fragile e non facilmente reintegrabile nella società ordinaria, e anche se è discutibile quanto Nicky fosse lucido quando ha premuto il grilletto, è chiaro che non voleva quel destino per se stesso, una volta tornato sul suolo americano. Accettava che l’uomo che era prima era già morto in Vietnam e che non si poteva tornare a casa, cosa che Mike avrebbe imparato da solo in seguito.

Il vero significato del finale “Dio benedica l’America”

La coda di “God Bless America” che suona alla fine de Il cacciatore di cervi è allo stesso tempo ispiratrice e dolceamara. La canzone è uno degli inni più patriottici degli Stati Uniti e, inserendola alla fine di Il Cacciatore (The Deer Hunter), il film riafferma i valori americani. Nonostante il trauma subito da Michael, Nick, Steve e gli altri uomini che hanno prestato servizio oltreoceano in Vietnam, ognuno di loro ha un legame profondo con il proprio Paese e la sua identità, anche se questo li ha lasciati emotivamente segnati per tutta la vita in modi che hanno solo iniziato a capire e ad affrontare.

Cantandola insieme, i protagonisti di Il Cacciatore (The Deer Hunter) riescono non solo a legare grazie alle loro esperienze comuni, ma anche a liberare una pletora di emozioni complesse per raggiungere una sorta di catarsi. Ascoltando la melodia, è impossibile ignorare l’innocenza che tutti loro condividevano prima di andare in guerra, in contrasto con la profonda trasformazione a cui li ha sottoposti. La guerra li ha privati dell’idealismo e li ha sostituiti con il cinismo e il nichilismo, ma l’atto di unirsi insieme in una canzone patriottica sulle virtù dell’America ricorda loro che almeno hanno un conforto reciproco dopo tutto quello che hanno passato.

Perché Mike lascia vivere il cervo nel finale de Il Cacciatore

robert de niro finale Il Cacciatore

Nel finale di Il Cacciatore (The Deer Hunter) c’è un momento in cui Michael ha la possibilità di sparare a un cervo ma non lo fa, un gesto semplice che ha un grande significato. Dopo tutto quello che ha vissuto in Vietnam, ha imparato ad apprezzare la vita e la caccia non ha più lo stesso fascino di un tempo. Come i suoi amici, ha subito profondi cambiamenti dopo aver assistito in prima persona alle atrocità della guerra, così l’atto di uccidere un cervo, che un tempo gli procurava bei ricordi con i suoi compagni, non è più la spensieratezza di un tempo e ora si sente oscurato dalle vite degli uomini che ha portato con sé oltreoceano.

Sparare a una creatura bella e innocente non corrisponde al modo in cui Mike vede il mondo ora. Laddove un tempo il cervo rappresentava una sfida o un premio, ora incarna l’innocenza della sua vita prebellica che non potrà mai più riavere. Esiste solo il modo in cui le cose erano e il modo in cui sono, e non sparando al cervo Mike dà credito e riconoscimento al fatto che non sarà mai più lo stesso. Infine, il fatto di non uccidere il cervo dimostra la crescita personale di Mike e il fatto che la violenza non è così attraente come un’esistenza più pacifica e simbiotica con gli esseri viventi che lo circondano.

Come Nick invia denaro a Steven nonostante abbia perso la memoria

Uno degli aspetti più confusi del finale di Il Cacciatore (The Deer Hunter) è il fatto che Nick sia la persona che invia i soldi a Steve da Saigon nonostante abbia perso la memoria. Quando Michael trova Nick, questi è chiaramente dipendente dall’eroina e vive da tempo in uno stato di torpore, per poi riacquistare pezzi di memoria in quelli che si rivelano essere i suoi ultimi momenti. Nick percepisce a malapena la presenza di Mike, tanto meno di un vecchio amico della sua città natale, rendendo difficile credere che sia stato il misterioso benefattore di Steve per tutto questo tempo.

La spiegazione più semplice è che a un certo punto, quando ha iniziato a giocare alla roulette russa per soldi, ha avuto un pensiero abbastanza razionale da trovare l’ospedale di Steve e inviargli le vincite. Lentamente, nel corso del tempo, è diventato dipendente dall’eroina per affrontare il trauma delle sue esperienze di guerra, e il suo rimanere in uno stato di torpore si adattava agli uomini che facevano soldi grazie al soldato americano disposto a giocare a questo gioco pericoloso. Questo dimostra che Nick voleva che la sua vita fosse servita a qualcosa e che aveva ancora un piccolo legame con il suo amico, anche se non poteva tornare a casa e anche se lo aveva perso di vista lungo il cammino.

Le controversie sull’inesattezza storica e gli effetti sulle relazioni con i veterani d’America ne Il Cacciatore spiegati

Il Cacciatore inesattezza storica veterani vietnam

Il Cacciatore (The Deer Hunter) è considerato uno dei migliori film sulla guerra del Vietnam, ma la sua accuratezza è stata a lungo discussa dagli storici del Vietnam che hanno sostenuto che non ci sono prove che i Vietcong abbiano mai costretto i prigionieri di guerra americani a giocare alla roulette russa. Inoltre, il film è stato citato per le sue rappresentazioni razziste del popolo vietnamita, in particolare durante le scene della roulette russa. Per quanto riguarda la narrazione del film, il gioco rappresenta la scommessa che i soldati fanno andando in guerra, in particolare gli amici d’infanzia che sono cresciuti insieme e che avevano idee diverse su come sarebbe stato servire il proprio Paese.

La guerra del Vietnam non è stata vista di buon occhio dall’opinione pubblica americana e i soldati americani non sono stati trattati bene né durante né dopo il conflitto. Molti sono tornati in un Paese che ha fatto ben poco per riabilitarli o per fornire risorse per la loro salute mentale, con il risultato che alcuni hanno scelto di automedicarsi in modi che hanno portato alla morte. Nel complesso, il finale di Il Cacciatore (The Deer Hunter) ha messo in luce i danni provocati dalla guerra agli individui e ha aiutato l’opinione pubblica americana a trattare i soldati con maggiore empatia e compassione per il sacrificio che hanno compiuto per il loro Paese.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Wolfkin film

Wolfkin: tutto quello che c’è da sapere sul film

Il cinema horror ha negli anni regalato innumerevoli iconici personaggi, molti dei quali entrati ormai nell’immaginario collettivo. Tra i più amati di sempre vi...
- Pubblicità -