Io, robot: tutte le curiosità sul film con Will Smith

4035
Will Smith in Io Robot
Will Smith in Io Robot - Fonte: IMDB
- Pubblicità -

Per gli amanti della fantascienza al cinema, il film Io, robot è un vero e proprio cult degli anni duemila. Ispirato all’antologia di racconti dello scrittore e biochimico russo Isaac Asimov, il film che trasporta in un futuro non troppo lontano, dove le macchine hanno preso il sopravvento sull’uomo. Diretto da Alex Proyas nel 2004, il film è ambientato nella città di Chicago nel 2035. Il mondo non è più come lo conosciamo e i robot positronici sono ormai al comando.

 
 

Queste creature robotiche, che fanno parte dell’immaginario dei racconti di Asimov, sono delle macchine dotate di un particolare cervello positronico, ovvero un’unità chiamata a comportarsi secondo le Leggi della Robotica. Queste tre leggi – create da Asimov e utilizzate nel mondo della fantascienza – dovrebbero impedire ai robot di sviluppare comportamenti autonomi e aggressivi nei confronti della razza umana. Ecco le tre leggi di Asimov:

  1. Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, un essere umano riceva danno.
  2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non vadano in contrasto alla Prima Legge.
  3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché la salvaguardia di essa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.

Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori e al rapporto con i racconti di Asimov, da cui il film trae ispirazione. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Io, robot: la trama del film

Nella Chicago del 2035 i robot positronici sono quindi diventati un accessorio domestico di stile; ogni famiglia ne ha almeno uno in casa e tutti aspettano con ansia l’arrivo dei robot NS-5 di nuova generazione, prodotti dalla U.S. Robots. Nonostante tutti sembrino impazzire per queste creature dall’anima d’acciaio, il detective Del Spooner al contrario non sembra molto convinto dell’utilità di queste macchine e della loro capacità di autocontrollarsi. I suoi dubbi trovano terreno fertile dopo l’apparente suicido del dottor Alfred Lanning, scienziato e fondatore della U.S. Robots. Com’è possibile che dall’intelligenza così rivoluzionaria, capace di dar vita a creature futuristiche come i robot positronici, abbia messo fine alla sua vita?

 

Durante le indagini Spooner recupera un dispositivo olografico contenente alcune scioccanti riflessioni di Lanning a proposito delle sue creature robotiche. Queste rivelazioni spingono il detective a guardare al caso come a un possibile omicidio. Aiutato, quindi, dalla dottoressa Susan Calvin, psicologa esperta in intelligenza artificiale, e da un intraprendente ragazzino di nome Farber, Spooner inizia a scavare tra i panni sporchi della U.S Robots per riuscire a capire se questi robot sono davvero un pericolo per la razza umana. A complicare il lavoro di Spooner è l’incontro con Sonny, uno dei robot NS-5, che sembra capace, a differenza delle altre macchine, di provare emozioni umane.

Io, robot: il cast del film

Ad interpretare l’agente Spooner, come noto, vi è Will Smith. Eppure forse pochi sanno che il ruolo del protagonista inizialmente doveva essere assegnato a un altro attore. Sembra, infatti, che in principio il detective Spooner dovesse essere interpretato da Denzel Washington che però rifiutò la parte a causa di altri impegni di lavoro. Una volta ottenuta la parte, Smith chiese che di eliminare le battute divertenti previste per il suo personaggio, in quanto voleva dar vita ad una personalità seriosa. Lo studios però si oppose alla richiesta e dopo alcuni test con un pubblico selezionato, che gradì le battute fatte da Spooner, si decise di tenerle definitivamente nel film. Accanto a Smith, nei panni del giovane Farber si ritrova un Shia LaBeouf, in uno dei suoi primi ruoli di rilievo.

L’attrice Bridget Moynahan interpreta invece la dottoressa Susan Calvin, mentre James Cromwell dà vita ad Alfred J. Lanning, il brillante scienziato nonché fondatore della U.S. Robots. Bruce Greenwood dà vita a Lawrence Robertson, mentre Chi McBride è il luogotenente John Bergin. Completano il cast Adrian Ricard nei panni della nonna di Spooner e Fiona Hogan, la quale presta la propria voce all’intelligenzia artificiale VIKI. Infine, Alan Tudyk interpreta il robot Sonny. Per dar vita a tale personaggio, si decise di ricorrere alla stessa tecnologia usata per realizzare il Gollum di Il Signore degli Anelli. Tudyk fornì dunque le movenze del personaggio, che venne poi ricostruito in post-produzione. Il lavoro dell’attore è poi stato particolarmente elogiato.

Io Robot libro differenze

Io, robot: le differenze tra il film e i libri di Asimov

La sceneggiatura finale del film utilizzava pochi dei personaggi e delle idee di Asimov, e quelli presenti sono stati pesantemente riadattati. La trama del film non è infatti derivata dal lavoro di Asimov, in alcuni casi opponendosi esplicitamente alle idee centrali, mentre molti concetti del film derivano invece da vari racconti dello scrittore. Il tentativo di Sonny di nascondersi da Spooner in un mare di robot identici, ad esempio, è vagamente basato su una scena simile in Il robot scomparso. I cervelli positronici di Sonny e dei suoi compagni robot sono invece apparsi per la prima volta nella storia Iniziativa personale. La lotta e il desiderio di Sonny di comprendere l’umanità assomigliano infine a quelli del robot protagonista in L’uomo bicentenario.

Il suo sogno su un uomo che viene a liberare gli NS-5 allude invece a Robot Dreams e al suo personaggio principale Elvex. La premessa di un robot come VIKI, che mette i bisogni dell’umanità nel suo insieme su quelli dei singoli esseri umani può essere trovata in Conflitto evitabile, dove i supercomputer che gestiscono l’economia globale generalizzano la prima legge che si riferisce all’umanità nel suo insieme. Asimov svilupperà ulteriormente questa idea nella sua serie Robot come Zeroth Law of Robotics: “Un robot non può danneggiare l’umanità o, per inazione, consentire all’umanità di subire danni”. Quella di Io, robot è dunque pressocché una storia originale, solo vagamente ispirata ai racconti della raccolta intitolata appunto Io, robot, pubblicata nel 1950.

Io, robot: il sequel, il trailer e dove vedere il film in streaming

Dopo il successo ottenuto con Io, robot, il regista ha subito iniziato a pensare a un ipotetico sequel sempre ispirato ai racconti di Asimov. Il film, la cui trama non è mai stata resa nota, è diventato purtroppo un progetto poi caduto nel dimenticatoio. Io, robot 2 non ha mai visto la luce, nonostante in più occasioni si sia tentato di darvi vita. Proyas ha in alcune interviste affermato che se tale sequel si fosse mai realizzato, probabilmente avrebbe avuto come ambientazione lo spazio, andando dunque a raccontare dell’ulteriore evoluzione a cui i robot sono andati incontro. Ad oggi, tuttavia, sembra confermato il fatto che non c’è intenzione di dar vita ad un sequel.

È possibile fruire di Io, robot grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Questo è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Disney+ e Amazon Prime Video. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di venerdì 2 dicembre alle ore 21:20 sul canale Italia 1.

Fonte: Wiki, IMDB

- Pubblicità -