Armando Iannucci intervista

Regista caustico e satirico che si è sempre confrontato con storie vietate ai minori, Armando Iannucci si cimenta con il classico della letteratura inglese per eccellenza, David Copperfiled. Non è la prima volta però che il regista si approccia a Dickens, dal momento che la sua formazione accademica ne è imbevuta e ha già lavorato in passato sull’autore, con un documentario che già lo spogliava della sua austerità vittoriana. Lo stesso approccio ha proposto per La straordinaria vita di David Copperfield.

 
 

Come ha lavorato tirando fuori la vis comica da testo di Dickens?

“Questo approccio ha molto a che fare con Simon Blackwell con cui ho collaborato molto, lui è un grande appassionato di Dickens e abbiamo sempre parlato di quanto lui fosse divertente. Lo abbiamo sempre paragonato a Chaplin, quegli inglesi diventati molto famosi da giovani in tutto il mondo per le loro storie. Ho riletto David Copperfield dieci anni fa e ho deciso di farci un film. Ho deciso di coglierne la parte visiva e comunicativa che rasenta la slapstick comedy in molte scene. Nel lavoro di adattamento ci siamo resi conto che c’era moltissimo materiale da utilizzare e volevamo farlo in modo diverso da ciò che era stato fatto prima, perché c’era sempre stata una reverenza nei confronti della storia, invece secondo noi il rispetto si doveva più allo spirito che alla storia, perché è un libro ricco di creatività e immaginazione.”

E così ha fatto, perché il film è sicuramente molto fedele allo spirito dickensiano, pur adattando la storia a necessità narrative, tanto che per Iannucci non è affatto importante conoscere la storia originale: “Non mi aspetto che le persone conoscano la storia prima di entrare in sala. È uno standalone, non c’è nessun esame d’ingresso, la storia comincia in mezzo ai fatti e volevo che lo spettatore si facesse trasportare da subito”.

A differenza della sua produzione solita, La straordinaria vita di David Copperfield è adatta a tutta la famiglia. “Il film è uscito in UK prima del lockdown, è andato abbastanza bene ed è il mio primo film che esce senza il divieto ai minori. Vorrei che venisse considerato un film per famiglie. Non è un film per bambini ma per tutte le età, credo che ogni fascia d’età possa trovare nel film un momento per identificarsi nella storia.”

La straordinaria vita di David Copperfield si diverte anche a mescolare luoghi e tempi, ma soprattutto, la caratteristica che balzerà subito all’occhio, si diverte a mescolare etnie di personaggi che sulla pagina erano pensati per essere tutti bianchi. Di fronte al rischio di apparire troppo politicamente corretto, Iannucci spiega: “Dickens era molto connesso ai problemi del suo tempo, che racconta nei suoi romanzi. Volevo mettere un piede nel passato, nel 1840 quando è ambientato il film, ma volevo anche che ci fosse una modernità, un riflesso della quotidianità di adesso. Non credo che sia politicamente corretto mostrare le diversità tra ricchi e poveri nelle grandi città, né tanto meno la rappresentazione della battaglia di qualcuno per entrare a far parte dell’establishment. Credo siano temi eterni, oggi più di ieri. Credo che Dev (Patel, ndr) sia stato perfetto per il personaggio di David, ha nobiltà fragilità vulnerabilità che sono evidenti e necessarie per il ruolo. Credo sia perfetto e credo che questo debba valere per qualsiasi scelta di casting.”

La straordinaria vita di David Copperfield, recensione del film con Dev Patel

Il film dà molto risalto alla parola scritta, che è poi quello che diventerà, dopo molte peripezie, il destino di David. A commento, Armando Iannucci spiega: “È un film che parla di scrittura, ma anche di amicizia, di amore e comunità. Siccome non ho visto molto spesso nel cinema celebrare la persona che scrive, lo scrittore, ho pensato che potesse essere una sfida e incoraggiare il pubblico a godere dell’uso delle parole. Per questo vediamo sempre le parole sullo schermo, che vengono mostrate, perché sono importanti. Anche io, come David, mi sono preoccupato se quello che facevo, se il sogno che rincorrevo potesse avere un esito positivo o negativo. Mi ci è voluto molto tempo per avere sicurezza e sentirmi uno scrittore. Un po’ come accade per David, che ci mette tempo a trovare la sua strada ma poi trova la fiducia in se stesso.”

La straordinaria vita di David Copperfield arriva in sala il 16 ottobre, distribuito da Lucky Red.