Festival di Roma 2013 Alex De La IglesiaL’incontro con Alex De La Iglesia prende vita dopo la proiezione di una serie di sequenze tratte dai suoi film più famosi, Acciòn Mutante, Perdida Durango, El Dia de la Bestia, La Comunidad, El Crimen Perfecto, The Oxford Murders, La Chispa de la vida, Balada Triste de Trumpeta e il nuovissimo Las Brujas de Zugarramurdi.

Il regista catalano comincia la chiacchierata raccontando la genesi del suo ultimo film parlando della sequenza iniziale, nella quale un rapinatore, camuffato da Cristo, con tanto di croce sulle spalle, assalta un banco dei pegni trasformandosi in feroce assassino. De La Iglesia racconta che aveva avuto questa idea vent’anni prima, per un film che poi non è mai stato realizzato perché ritenuto troppo estremo e demenziale,  all’interno del quale trovavano spazio anche le figure di alcune streghe, divenute poi il punto centrale del suo ultimo film.

Festival di Roma 2013 Alex De La IglesiaLa scelta di ambientare la storia nel piccolo paese di confine tra Spagna e Francia chiamato Zagarramurdi è stata pressochè obbligata, poiché tale luogo sembra essere l’equivalente della cittadina americana di Salem, nota per le sue oscure vicende legate alla stregoneria. A Zagarramurdi sembra prendere origine tutta la stregoneria del vecchio continente ed in particolare, in una grotta limitrofa al paesino, sembra che avvenissero sabba di dimensioni incredibili, che coinvolgevano centinaia, forse migliaia di adoratrici del demonio. De La Iglesia racconta divertito di aver girato la sequenza finale del film proprio in quella grotta e di aver scoperto durante le ricerche per sviluppare la storia del film le vere origini di alcune abitudini stregonesche, come quella di cavalcare le scope, pratica legata ad una forma di autoerotismo al fine di assimilare una mistura a base di veleno di rospo e altre sostanze allucinogene spalmate sul manico dell’utensile; il volare altro non sarebbe che una visione metaforica dell’orgasmo allucinatorio raggiunto attraverso tale pratica.

Poi si è lungamente soffermato su uno dei temi principali del suo ultimo film, ma anche di tante altre sue opere, ovvero il difficile, se non impossibile, rapporto tra uomo e donna, ma anche sull’ipocrisia che a suo avviso è insita nella convivenza quotidiana tra esseri umani, molte volte basata su una subdola forma educazione superficiale quasi sempre malcelata. A proposito di tali dichiarazioni non si può non pensare ai rapporti degenerati tra condomini bellicosi de La Comunidad, o quello che avveniva tra i commessi del grande magazzino de El Crimen Perfecto. Alex De la Iglesia definisce gli esseri umani degli animali feroci, ma stupidamente intelligenti, che stentano a convivere e faticano a non sbranarsi l’uno con l’altro.

Torna poi nuovamente a sottolineare la dipendenza inconsapevole degli uomini dalle donne e il continuo loro bisogno di fare ritorno a l’utero materno e sentenzia beffardo che l’egoismo e la sopravvivenza sono la vera natura dell’amore e ciò che di conseguenza alimenta l’animo di tutti i suoi personaggi e motore di molte delle sue storie.

Alla domanda di come faccia ad avere uno stile così particolare e riconoscibile, lui semplicemente risponde che quello è il suo occhio e che naturalmente lui racconta ciò che lo circonda. Afferma che quella che si vede nei suoi film è la sua visione della vita, senza sforzarsi di voler costruire una sua originalità autoriale. Un buon regista, sostiene, deve essere come un barman, ovvero bravo a miscelare gli ingredienti già esistenti, senza dover necessariamente inventare chissà cosa. E’ convinto che non esista l’innovazione, ma che tutto è ricordo del futuro, che le idee differenti tra loro lottano, ma al tempo stesso si sostengono.  Dice che andare avanti, significa guardare indietro.

In conclusione e in maniera simpaticamente provocatoria si autodefinisce un immorale e prostituto mentale, che farebbe di tutto per soldi, ma ride sornione, e noi sappiamo bene che non è così.