gemini man

Arriva in sala il 10 ottobre Gemini Man, il nuovo film diretto da Ang Lee, con protagonista Will Smith, al fianco di Clive Owen e Mary Elizabeth Winstead. La peculiarità del film pensato e diretto dal regista taiwanese Premio Oscar è che il protagonista ha a che fare con una versione ringiovanita di sé stesso, interamente costruita in computer grafica.

 

La storia racconta la fine della carriera di un sicario al soldo del governo statunitense, Henry Brogan (Will Smith), che decide di appendere il fucile al chiodo accorgendosi di non avere più i fenomenali riflessi di un tempo. Tutto parrebbe procedere serenamente, anche se con reticenza da parte del suo superiore – visto che Brogan è il miglior tiratore che il governo abbia mai avuto nella sua scuderia –, se non fosse che il protagonista viene contattato da un vecchio amico e collega che gli svela che il suo ultimo assassinio, compiuto con la consueta precisione certosina, non era stato destinato esattamente ad un terrorista.

Nel giro di poco Brogan si rende conto di essere braccato da un cecchino dalla mira incredibilmente simile alla sua, fino ad accorgersi che quel cecchino è un suo clone più giovane di trent’anni.

Ang Lee torna alla regia sperimentando effetti visivi più che all’avanguardia. Oltre alla performance di Will Smith che interpreta sé stesso più giovane in motion capture, Gemini Man è stato girato (e proiettato) in High Frame Rate 3D, che conferisce al risultato finale un notevole realismo.

Infatti il progetto risale al 1997 da un soggetto di Darren Lemke, che però non aveva mai visto la luce proprio per la necessità di evoluzioni tecnologiche di un certo livello.

Il regista premio Oscar per Vita di Pi (e I Segreti di Brokeback Mountain), visionario e appassionato di sperimentazioni visuali, viene scelto nel 2017 per dare corpo all’idea, e in effetti raggiunge egregiamente il risultato.

Certo, il punto di forza di Gemini Man può concludersi con l’aspetto tecnologico, perché il lavoro risente di una accentuata debolezza narrativa che non aiuta l’attenzione dello spettatore, rinvigorita solo dalle roboanti esplosioni. Ma, se ad apprezzare dev’essere più che altro lo sguardo, quello senz’altro non resterà deluso.

Guarda il trailer di Gemini Man